Mascherina antivirus fai da te: qual è la sua effettiva utilità?

Commenti Memorabili CM

Mascherina antivirus fai da te: qual è la sua effettiva utilità?

| 15/03/2020

Nell’emergenza Coronavirus tutti sono in cerca di una mascherina per proteggersi, e intanto online si diffondono i tutorial per realizzarne una “fai da te”…

  • L’emergenza Coronavirus ha spinto la popolazione italiana a munirsi di una mascherina protettiva per potersi recare nei luoghi pubblici “in sicurezza”
  • La grande richiesta ha reso il prodotto introvabile
  • Alcuni utenti hanno deciso di diffondere video online per realizzare delle mascherine fai da te

 

Fin dall’inizio della diffusione del Coronavirus in Cina, l’Italia ha registrato un’impennata di vendite per gel igienizzanti come l’Amuchina e le famose mascherine protettive. Nel pieno dell’emergenza nazionale, questi prodotti cominciano a scarseggiare. A causa di ciò, alcuni “furbetti” hanno “ben pensato” di rivendere i preziosi beni a prezzi esorbitanti. Alcuni negozi online hanno preso in mano la situazione: possono inviare in sole 24 ore una mascherina… antigas. Per fronteggiare la necessità di proteggersi dal Coronavirus, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha diffuso online una “ricetta” per realizzare un detergente per le mani efficace e in molti si sono prodigati a diffondere dei video tutorial per realizzare una mascherina “fai da te”.

Presi da un senso di solidarietà (e da un magistrale Attacco d’Arte) c’è chi ha mostrato l’utilizzo della carta da forno con degli elastici per proteggersi, chi ha optato per delle coppe dei reggiseni, chi per il tessuto non tessuto, chi per un mix tra garze e pellicola alimentare, e così via. Di certo, il buon Giovanni Muciaccia raccomanderebbe: “Usate forbici dalla punta arrotondata e abbondante cccolla vinilica”. Tuttavia, in molti si domandano se questo tipo di mascherina fai da te sia o meno efficace.

Mascherina antivirus fai da te qual è la loro utilità

Fonte: Pixabay

Mascherina fai da te: è davvero utile?

Al momento nessuno può comprovare l’efficacia di questi stratagemmi di emergenza, tuttavia tali soluzioni casalinghe non sono del tutto inutili. Sicuramente non proteggono chi le indossa da un eventuale contagio. Di solito non sono “ermetiche” e se ci si trova di fianco ad una persona infetta non ci si può considerare immuni.

Leggi anche: Borseggiatore lascia portafogli e smartphone per rubare solo l’Amuchina

Ad ogni modo, possono ancora essere utili, nel loro piccolo: possono essere un “promemoria” per non toccarsi il viso, purché si eviti di toccare la mascherina e subito dopo il viso senza lavarsi le mani. Inoltre (nel caso in cui fossimo degli inconsapevoli portatori sani) possono “schermare” eventuali colpi di tosse o starnuti verso gli altri, anche se ormai tutti dovremmo aver imparato il galateo dello sputazzo, rigorosamente protetto da un gomito flesso.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend