In arrivo la mascherina che promette di uccidere il coronavirus

Commenti Memorabili CM

In arrivo la mascherina che promette di uccidere il coronavirus

| 22/11/2020
In arrivo la mascherina che promette di uccidere il coronavirus

Una mascherina per uccidere il coronavirus: l’invenzione arriva dal Regno Unito

  • Grazie al professor Gareth Cave, presto avremo un nuovo alleato nella lotta contro il Covid-19
  • Lo scienziato, specializzato in nanotecnologie, ha messo a punto una mascherina che non si limita a intrappolare il coronavirus, ma lo uccide
  • Come ci riesce? Grazie a uno strato di rame, che emanando gli ioni è in grado di eliminare il virus
  • I primi dispositivi saranno messi a disposizione del personale sanitario
  • In questo modo, il professore ha voluto ringraziare i medici per averlo curato dal cancro 3 anni fa

 

Di questi tempi, tutte le speranze sembrano essere proiettate sul vaccino per risollevare le sorti del mondo da questa pandemia. Direttamente dall’Inghilterra, però, sta per arrivare una nuova arma contro il Covid-19. Stiamo parlando della mascherina in grado di uccidere il coronavirus per oltre il 90%.

Il dispositivo di protezione sarà disponibile sul mercato da dicembre. A realizzarlo, il professor Gareth Cave della Nottingham Trent University. Più che una mascherina, lo scienziato specializzato in nanotecnologie ha realizzato una vera e propria armatura. Basti pensare, infatti, che la sua efficienza di filtrazione è pari al 99,98%. Per questo, naturalmente, offre il livello di protezione più elevato.

Un’arma contro il coronavirus

Qual è la differenza tra una normale mascherina chirurgica e quella realizzata dal professor Cave? La prima è composta da tre strati; la seconda, invece, è dotata di cinque strati. Non solo il rivestimento esterno è idrorepellente, ma al suo interno si trova anche uno strato in rame. Gli ioni rilasciati da questo materiale sono in grado di eliminare il virus in sette ore.

Leggi anche: A Tokyo debutta il “postino robot” per fronteggiare il Coronavirus

Non appena pronte, le prime mascherine saranno destinate alle aziende di trasporto e della ristorazione oltre che, naturalmente, al personale sanitario. Il professore, guarito dal cancro tre anni fa, ha dichiarato che è il suo modo di ringraziare medici e infermieri per le cure ricevute.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend