Ingegneri affermano di aver creato il primo materiale impossibile da tagliare ispirato dalla natura

Commenti Memorabili CM

Ingegneri affermano di aver creato il primo materiale impossibile da tagliare ispirato dalla natura

| 28/07/2020
Ingegneri affermano di aver creato il primo materiale impossibile da tagliare ispirato dalla natura

Proteus: il primo materiale impossibile da tagliare si ispira alla buccia del pompelmo.

  • Un team internazionale di ricercatori è riuscito a realizzare il primo materiale leggero impossibile da tagliare
  • Si chiama Proteus e per la sua struttura gli ingegneri si sono ispirati alla buccia del pompelmo e ai gusci dei molluschi
  • I materiali organici rintracciabili in natura riescono a proteggere egregiamente il proprio contenuto nonostante una struttura molecolare debole
  • Ne è nato un materiale composto da ovali in ceramica inseriti in schiuma metallica rivestita di alluminio
  • Secondo i creatori, tentare di tagliarlo o di bucarlo con un trapano sarebbe come approcciarsi ad un muro di gelatina
  • Un muro in grado di assorbire le vibrazioni degli utensili da taglio e rispedirli al mittente, distruggendoli

Se pensate a dove possono aver attinto gli scienziati per creare un materiale impossibile da tagliare, tenace al punto da riuscire a ritorcersi contro gli utensili impiegati in un tentativo di taglio, vi verrà probabilmente in mente il diamante. Vista e rivista in film di rapine, la punta di diamante è forse uno dei materiali più duri conosciuti dall’uomo. Ma per Proteus, il materiale sintetico impossibile da tagliare, la durezza c’entra ben poco. Gli ingegneri della Durham University in Inghilterra e del Fraunhofer Institute in Germania pare si siano infatti allontanati dal minerale prezioso per lasciarsi ispirare da qualcosa di molto diverso.

La natura spesso e volentieri riesce a venire in nostro soccorso ed anche in questo caso pare sia riuscita a donare un’intuizione senza precedenti. Proteus, materiale sintetico e rivoluzionario, si ispira infatti alla buccia del pompelmo e ai gusci di mollusco. La sua strutta è decisamente insolita ma apparentemente ultra resistente. Piccole pepite di ceramica tondeggianti sono racchiuse in una struttura di alluminio e schiuma metallica ed il suo funzionamento si basa sul rispedire al mittente la stessa forza impiegata in un (fallimentare) tentativo di taglio.

Proteus tecnicamente non è del tutto impossibile da tagliare. È però incredibilmente seccante.

A quanto pare, smerigliatrici angolari, trapani e getti d’acqua ad altissima pressione si sarebbero dimostrati inutili durante i test effettuati dagli scienziati. “Fondamentalmente, tentare di tagliare il materiale è come cercare di tagliare una gelatina piena di pepite”, affermano in un articolo gli ingegneri della Durham University. “Se attraversi la gelatina con un utensile colpirai le pepite e il materiale vibrerà in modo tale da distruggere il disco da taglio o la punta del trapano”. Per i getti d’acqua la situazione sarebbe analoga; la vibrazione farebbe perdere velocità e potenza di taglio, rendendo inefficace il getto.

Leggi anche: L’insolito brevetto della Apple per mappare tutte le vene del viso

L’idea pare sia nata dall’attenta osservazione della buccia di pompelmo che, analogamente al guscio dei molluschi, riesce a proteggere egregiamente il contenuto nonostante una struttura molecolare relativamente debole. Ma Proteus non si dimostra completamente impossibile da tagliare… Diciamo che il modo di incidere la densità all’interno della “gelatina” c’è. È solo incredibilmente seccante. Ci sarebbe bisogno di cambiare diverse lame di smerigliatrici ed innumerevoli punte di trapano prima di riuscire nel proprio intento, rendendo inutilmente lungo un qualsiasi tentativo.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend