Messaggio in bottiglia salva una famiglia intrappolata in cima a una cascata

Commenti Memorabili CM

Messaggio in bottiglia salva una famiglia intrappolata in cima a una cascata

| 30/03/2022
Fonte: Pixabay

California: una famiglia bloccata in cima a una cascata nascosta è stata salvata dopo aver inviato un messaggio in una bottiglia

  • Curtis e Krystal avevano deciso di organizzare un campeggio con il loro figlio tredicenne Hunter
  • La famiglia si era recata nella zona dell’Arroyo Seco, un affluente di circa 65 km del fiume Salinas, nella California centrale
  • Stavano per concludere il campeggio di quattro giorni quando si resero conto di essere  rimasti bloccati su un pezzo di terra isolato, in cima a una cascata
  • Erano in cima ad una cascata impetuosa a circa 12 metri di altezza, senza copertura cellulare e con rifornimenti limitati
  • Così Curtis decise di incidere la parola HELP su una borraccia, inserire un biglietto con la loro posizione e di lanciarla giù per la cascata per chiedere aiuto
  • Sorprendentemente, poche ore dopo, la famiglia venne raggiunta da una squadra di soccorso che aveva letto il messaggio

 

In una storia che sembra presa da un film di Hollywood, una famiglia americana rimasta bloccata in cima a una cascata in California, senza alcun modo di scendere in sicurezza, è riuscita a chiedere aiuto gettando un messaggio in bottiglia tra le acque del fiume.

Curtis Whitson, 44 anni, un riparatore di vetri e porte di Morro Bay, decise di partire con la sua compagna Krystal Ramirez, una bartender di 34 anni, e il loro figlio tredicenne Hunter, desideroso di mostrare loro la bellezza selvaggia dell’Arroyo Seco, un affluente di circa 65 km del fiume Salinas, nella California centrale.

“È un paradiso fuori dai sentieri battuti, un posto meraviglioso per fare un viaggio in barca e allontanarsi dalla folla. Non vedevamo l’ora di campeggiare lungo il fiume, sotto le stelle”, ha raccontato Curtis al Washington Post. La prima notte, i tre allestirono un falò e cenarono con una bistecca in padella, accompagnata con della quinoa e con delle barrette proteiche al cioccolato come dessert. L’ultima cosa che la famigliola si aspettava era che sarebbero rimasti bloccati in cima ad una cascata.

Curtis e la sua famiglia stavano per concludere il campeggio di quattro giorni quando si resero conto di essere  rimasti bloccati su un pezzo di terra isolato, in cima a una cascata. In realtà, Curtis si era imbarcato nello stesso viaggio sette anni prima, ma si ricordava di una grossa corda attaccata ad un dirupo che gli aveva permesso di calarsi in tutta sicurezza.

“Houston, abbiamo un problema”

All’epoca, in soli 15 minuti, Curtis si era calato con attenzione lungo il lato della cascata grazie ad una fune rimasta a disposizione, e aveva continuato la sua avventura. Ma quella corda era ormai scomparsa. Le forti piogge primaverili l’avevano probabilmente fatta cedere. Non c’era altro modo per scendere in sicurezza. Curtis aveva a disposizione una corda nella sua attrezzatura da campeggio, ma notò che l’acqua era troppo veloce e alta per tentare di attaccare la corda e calarsi, e la fune che aveva con sé era troppo fragile per garantire una discesa sicura. Erano bloccati lì, e aveva bisogno di escogitare un piano per chiamare i soccorsi.

Curtis e Krystal avevano detto agli amici dove stavano andando, quindi si aspettavano che qualcuno sarebbe venuto a cercarli, ma non sapevano quanto tempo ci sarebbe voluto perché qualcuno si accorgesse e denunciasse la loro scomparsa. Erano bloccati in cima ad una cascata impetuosa a circa 12 metri di altezza, senza copertura cellulare e con rifornimenti limitati. “Era un po’ spaventoso. Non avevamo visto un’anima viva per tutto il viaggio”, ha raccontato Hunter.

Dopo aver valutato le sue opzioni, Curtis pensò di scrivere la frase “abbiamo bisogno di aiuto” su un bastone con il suo coltellino per gettarlo in fondo alla cascata. Purtroppo, il bastone continuò a ruotare in acqua, incapace di passare attraverso la cascata. Curtis decise di ritentare, questa volta utilizzando una borraccia di plastica verde trasparente. L’uomo incise la parola “HELP” su ogni lato della bottiglia“Curtis mi chiese se avevo qualcosa con cui scrivere, e mi ricordai che avevo portato penne e un blocco per gli ordini da bar per continuare a segnare i punti nei giochi di carte. Sono molto competitiva”, ha raccontato Krystal.

Il messaggio di SOS

Curtis prese il piccolo foglietto e scrisse le seguenti parole:siamo bloccati sulla cima della cascata, abbiamo bisogno di soccorsi, per favore. Aggiunse la data, il 15 giugno 2019, e la loro ubicazione, poi lo infilò all’interno della bottiglia gettandola in acqua, pregando silenziosamente l’universo affinché qualcuno a valle la trovasse. Questa volta, la bottiglia passò attraverso lo stretto passaggio e Curtis sapeva di aver fatto tutto quello che poteva. Sorprendentemente, i tre non dovettero attendere a lungo.

Quella stessa notte, mentre la famiglia dormiva nei loro sacchi a pelo, Curtis sentì improvvisamente qualcuno che gridava in un altoparlante:questa è una missione di ricerca e salvataggio, siete stati individuati! Rimanete fermi e torneremo a prendervi domani mattina”. Si alzarono tutti e tre, saltarono di gioia, si abbracciarono e piansero. Erano stati salvati, e tutto grazie ad un messaggio in bottiglia.

Più tardi Curtis apprese che la bottiglia era stata avvistata da un paio di escursionisti, a circa 400 metri più a valle. I due aprirono la borraccia e, leggendo la nota, chiamarono immediatamente il direttore del campeggio di Arroyo Seco. Venne organizzata una ricerca in elicottero, e la famiglia rimasta bloccata venne rapidamente individuata usando occhiali per la visione notturna e la tecnologia a infrarossi.

Tutto è bene quel che finisce bene

Ancora oggi Curtis stenta a credere che il suo messaggio in bottiglia sia stato scoperto in poche ore dal lancio nella cascata“mi sconvolge il modo in cui tutto è riuscito a combinarsi perfettamente. Quante probabilità c’erano?.

“Molti tasselli sono andati al posto giusto proprio per queste persone”, ha detto il pilota di elicottero Joe Kingman al Washington Post, aggiungendo che, nei suoi 23 anni di esperienza nelle missioni di salvataggio, questa è stata la prima missione di ricerca organizzata a causa di un messaggio in bottiglia.

Leggi anche: Ubriaca, manda un messaggio al ragazzo con cui è uscita ringraziandolo della serata: lui è ancora a casa sua [+VIDEO]

Circa una settimana dopo il loro salvataggio, mentre stavano ancora elaborando la loro avventura e l’improbabile lieto fine, Krystal ha acquistato al suo compagno un regalo: una nuova borraccia. All’interno, ha nascosto un biglietto d’amore. Inutile affermare che anche questo messaggio in bottiglia è arrivato al giusto destinatario.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend