Moulay Ismail, l’uomo col record assoluto di figli: furono ben 1171!

Commenti Memorabili CM

Moulay Ismail, l’uomo col record assoluto di figli: furono ben 1171!

| 13/06/2019
Moulay Ismail, l’uomo col record assoluto di figli: furono ben 1171!

Ismail fu un sultano marocchino vissuto tra il ‘600 e il ‘700, a dir poco prolifico a causa degli accoppiamenti con mogli e concubine

Arnold Schwarzenegger può essere anche identificato come il Terminator per eccellenza, mentre Moulay Ismail si è meritato il soprannome di…Sperminator. Il nome è quello di un grande personaggio della storia del Marocco, il secondo sultano della dinastia Alawita (la stessa ancora regnante). L’uomo è vissuto tra il 1645 e il 1727, salendo sul trono quando era appena 27enne e passando alla storia anche per altro.

Non si tratta di una leggenda, ma della verità, anche perchè è stata certificata niente meno che dal Guinness World Record. Ismail è stato la persona di sesso maschile più feconda in assoluto e i suoi figli sarebbero stati addirittura più di mille. La cifra esatta è pari a 1171, un numero impressionante e che di sicuro farà storcere il naso a molti. Era una vera e propria macchina del sesso?

Prima di tutto bisogna capire cosa ha rappresentato per la nazione africana questo personaggio. L’ascesa al trono è datata 1672, un momento segnato da una violenza clamorosa. Per avvertire chiunque poteva trovarlo antipatico o fuori luogo decise di cingere le mura di Fez e Marrakech con ben 10mila teste di nemici uccisi. All’epoca era qualcosa di normale, oggi ovviamente ci viene il voltastomaco.

Ecco perché fu conosciuto con un aggettivo tipico di tanti altri sovrani o potenti, “Il sanguinario”. Nel corso dei lunghissimi 55 anni di regno (la Regina Elisabetta ha comunque fatto di meglio) si dilettò nell’uccisione di circa 30mila persone, incluse quelle trafitte in battaglia. La sua passione per le donne fu un “hobby” molto chiacchierato, una discussione che prosegue ancora oggi.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend