Multato perchè usava lo smartphone… mentre andava a cavallo

Commenti Memorabili CM

Multato perchè usava lo smartphone… mentre andava a cavallo

| 11/02/2020
  • In Australia un uomo cavalcava felice verso il tramonto
  • ad un certo punto, il suo cellulare ha squillato
  • malauguratamente, l’uomo ha risposto e…

 

Un uomo, il suo cavallo e… il suo smartphone.

Quante volte ci siamo incantati davanti a tramonti struggenti verso i quali cavalca il cow-boy solitario, in sella al suo fido destriero. Questa commovente e un po’ decadente immagine, d’ora in poi, sarà sostituita da quella di un uomo che viene fermato da un agente in divisa. L’uomo a cavallo stringe in mano un cellulare e lo tiene all’orecchio: e per questo motivo riceve un’ammenda dal Giudice.

No, non è una barzelletta ma un fatto accaduto nel mese di ottobre 2019 in Australia, e più precisamente nella regione di Hill End, a Tambaroora. Qui un ignoto cavaliere di 30 anni sta trotterellando con il cavallo lungo un’amena strada di campagna. Come si può facilmente immaginare, il traffico non è decisamente congestionato. Al massimo, qualche canguro in lontananza.

Il silenzio della campagna australiana, ad un certo punto, viene rotto dal suono di un cellulare che squilla. Il suono viene dalla tasca del cavaliere. Lui prende lo smartphone, risponde e avvicina l’apparecchio all’orecchio. Giammai! Un prode tutore dell’ordine stradale intercetta l’uomo e lo ferma deciso. Non si può parlare al cellulare mentre si guida, lo sappiamo tutti. Diciamo che non ci eravamo mai resi conto che anche il cavallo è, di fatto, un mezzo di trasporto.

cavallo

Fonte: Pixabay

L’inflessibile codice della strada australiano

Com’è, come non è, la faccenda è finita in tribunale. Il giudice David Day, chiamato a dirimere la questione, l’ha presa in modo decisamente ilare. Le cronache riportano che ha fatto fatica a non scoppiare a ridere. Ad ogni modo, l’ignoto cavaliere è colpevole, a rigor di legge, quindi ha preso un richiamo ufficiale come multa, ma non avrà conseguenze penali. Il suo esempio però servirà da monito per il futuro.

Leggi anche: Sorpreso a dormire ubriaco nella propria auto, multa salatissima

Sempre ridacchiando, il giudice ha detto che in precedenza gli era capitato solo un altro caso simile, di un uomo multato perché cavalcava ubriaco. Nel caso raccontato, il problema è stato che l’uomo non aveva un dispositivo che lo aiutasse a rispondere al telefono senza usare le mani. Quindi teniamoci pronti: magari in futuro inventeranno il cavallo bluetooth.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend