Noodles con oppio per rendere i clienti “dipendenti” dai suoi piatti: arrestato

Commenti Memorabili CM

Noodles con oppio per rendere i clienti “dipendenti” dai suoi piatti: arrestato

| 05/01/2020
Fonte: Pixabay

Il proprietario di un ristorante in Cina ha “pensato bene” di condire le sue zuppe di noodles con dell’oppio

  • Il proprietario di un ristorante ha deciso di aggiungere dell’oppio ai suoi noodles
  • L’uomo ha scelto il particolare “ingrediente” per rendere i clienti “dipendenti” dai suoi piatti
  • L’inganno è stato svelato da un ignaro cliente risultato positivo ai test antidroga
  • Il ragazzo ha dichiarato di aver solo mangiato dei noodles
  • A quel punto, la polizia ha effettuato un controllo a sorpresa nel locale, smascherando il “trucco” del ristoratore

 

Piuttosto che migliorare la sua ricetta dei noodles, il proprietario di un ristorante nella provincia cinese di Guangxi ha deciso di “condirli” con dell’oppio per far sì che i suoi clienti ne diventassero dipendenti e per aumentare le possibilità che tornassero a mangiarne di più.

Il trucchetto del ristoratore è stato scoperto per errore, dopo che qualcuno che ha mangiato nel suo locale nella contea di Sanjiang Dong Autonomous è risultato positivo alla morfina (il componente attivo dell’oppio) durante un’ispezione della polizia.

“Sembra salsa ma non è, serve a darti l’allegria!” (semicit.)

L’uomo scioccato ha insistito sul fatto che non aveva assunto droghe di sua volontà, e ha detto agli investigatori che l’unica cosa che aveva ingerito e sulla quale non poteva garantire era una ciotola di noodles in un ristorante locale. La polizia ha quindi eseguito un sopralluogo al locale senza preavviso ed ha prelevato un pacchetto di polvere di lumaca per effettuare dei test. Gli esami hanno indicato la pietanza come positiva alla morfina.

Noodles con oppio per rendere i clienti "dipendenti" dai suoi piatti: arrestato

Fonte: Setn.com

Dopo aver effettuato il primo ritrovamento, la polizia ha consegnato il caso alla Sanjiang County Administration for Market Supervision. L’agenzia ha visitato di nuovo il ristorante specializzato in noodles e ha scoperto 76 grammi di semi di papavero in polvere.

Leggi anche: Chef nei guai per aver coltivato cannabis: “Mi serve per preparare nuove ricette”

Il proprietario del locale, un uomo di nome Yang, è stato arrestato. In seguito, ha ammesso di aver usato la polvere come “ingrediente segreto” per indurre assuefazione ai suoi clienti per farli tornare da lui. Alla domanda su come fosse venuto in possesso del seme di papavero in polvere, Yang ha detto alla polizia di aver usato dei semi che lui stesso aveva piantato diversi anni prima.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend