Dormire di più riduce le possibilità di contrarre il Covid-19, lo dice la scienza

Commenti Memorabili CM

Dormire di più riduce le possibilità di contrarre il Covid-19, lo dice la scienza

| 01/04/2021
Dormire di più riduce le possibilità di contrarre il Covid-19, lo dice la scienza

Lo studio condotto tra gli operatori sanitari di sei paesi, che dimostra come più ore di sonno riducono il rischio di contrarre il Covid19

  • Dormire di più riduce le possibilità di contrarre il Covid19
  • Lo ha scoperto uno studio effettuato sugli operatori sanitari di 6 paesi
  • Dormire male ed il burnout lavorativo aumentano il rischio di infezioni
  • La conferma arriva anche da una ricerca cinese
  • Ecco i risultati degli studi effettuati sulla correlazione tra Covid19 e melatonina

 

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista online BMJ Nutrition Prevention and Health ha rivelato una correlazione tra le ore di sonno e il Covid19: il solo fatto di dormire bene può ridurre le possibilità di contrarre il virus. Gli scienziati hanno condotto un sondaggio dal 17 luglio 2020 al 25 settembre 2020, tra gli operatori sanitari in Francia, Germania, Italia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. I risultati hanno dimostrato un collegamento tra i fattori come la mancanza di sonno o avere un sonno disturbato e un maggiore rischio di contrarre l’infezione da Coronavirus.

Inoltre, dormire male può contribuire a contrarre il virus in forma più grave ed al dover affrontare un periodo di convalescenza più lungo. L’indagine ha evidenziato che con l’aumentare delle ore di sonno di notte, le probabilità di contrarre il Covid19 si riducono del 12%.  Il sonno insufficiente, dormire male e il burnout lavorativo sono quindi collegati all’aumentato del rischio di infezioni virali e batteriche. Tuttavia, alcuni ricercatori hanno affermato che non è chiaro se questi siano anche fattori di rischio per il Covid19.

Covid19 ed ore di sonno: correlazione suggerita anche da una ricerca cinese

Per scoprire la relazione tra le due cose, gli scienziati si sono basati sulle risposte al sondaggio online degli operatori sanitari che si sono ripetutamente esposti a pazienti con infezione da Coronavirus. All’indagine hanno partecipato circa 2.884 operatori sanitari, di cui 568 hanno contratto il virus. La gravità dell’infezione è stata classificata in cinque sezioni: da molto lieve a lieve a moderata, da grave a critica. Il sondaggio ha registrato una media del sonno notturno inferiore a sette ore, ma superiore a sei.

Leggi anche: “Padova: sono nate le prime due bambine con anticorpi contro il Covid19”

Eppure la nuova ricerca non è la prima a suggerire l’esistenza di un legame tra il sonno e il rischio di Covid19. Un piccolo studio condotto in Cina ha rivelato che le persone che non hanno dormito molto nella settimana antecedente a quella in cui hanno contratto il Covid19 hanno riportato sintomi più gravi, rispetto a chi, al contrario, aveva riposato bene. I ricercatori stanno anche studiando la possibilità che la melatonina, l’ormone che svolge un ruolo cruciale nel ciclo sonno-veglia, possa aiutare a combattere il Coronavirus

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend