Il pane dalle forme più strane? Lo fanno a San Francisco

Commenti Memorabili CM

Il pane dalle forme più strane? Lo fanno a San Francisco

| 08/07/2020
Il pane dalle forme più strane? Lo fanno a San Francisco

Non si finisce mai di impastare.

  • A San Francisco c’è un panettiere che crea opere meravigliose
  • Si chiama Fernando Padilla ed è un maestro fornaio della Boudin Bakery
  • Durante il lockdown non si è fermato ma ha continuato a mettere le pani in pasta
  • Tra i suoi capolavori, le pagnotte a forma di coccodrillo, granchio e tartaruga
  • L’originalità è il suo pane quotidiano e le sue creazioni hanno fatto il giro del mondo

In tempo di pandemia abbiamo scoperto come il popolo italiano sia diventato improvvisamente dedito alla panificazione. Una passione che ha fatto letteralmente lievitare la creatività del Bel Paese, incidendo pesantemente sulla bilancia. Ma non siamo i soli ad aver messo le mani in pasta.

Ecco dov’erano finiti lievito e farina

A San Francisco, infatti, c’è un panettiere che era solito sfornare improbabili pagnotte già in tempi non sospetti. E se il Covid ha reso tutto amplificato, anche i suoi capolavori sono aumentati a dismisura, per portare conforto e carboidrati a chi ha deciso di soffocare la malinconia del lockdown a suon di hamburger e baguette.

Il pane, si sa, è un elemento basilare nella dieta di molte persone, a prescindere dalla nazione di provenienza. Ma per Fernando Padilla, maestro fornaio della Boudin Bakery di San Francisco, potremmo forse dire che la clausura forzata sia stata un po’ una “manna dal cielo”.

Rinchiuso nel suo garage per mantenere la distanza sociale, Fernando ammette di essersi dedicato a impastare e sfornare, come se non ci fosse un domani. “Sono stato fortunato ad avere un sacco di farina in casa”, scherza lui. “È stato difficile trovarla, anche al supermercato!”.

Buono come il pane

Proprio lui, Padilla, è stato il primo a lanciare l’idea di utilizzare il famoso lievito madre della catena Boudin per dar vita a pagnotte decorative. Da bambino amava disegnare e per lui non è stato difficile mettere un po’ di estro creativo tra gli ingredienti dei suoi prodotti da forno.

Fonte: Instagram, @ Boudin bakery 

E nel suo caso non è vero che “chi ha il pane non ha i denti”: durante i suoi primi giorni di lavoro, 40 anni fa, Fernando ricorda ancora la felicità di aver ricevuto come compenso una grossa quantità di pane da mangiare lungo il tragitto verso casa.

Leggi anche: L’ultimo trend culinario: il pane-rana

Non fiori ma opere di pane

Ora il suo pane prende forme insolite, come tartarughe, granchi e coccodrilli. E, per festeggiare i giovani laureati, il panettiere ha ben pensato di lanciare il suo prodotto dell’anno: quattro baguette di lievito madre che compongono la cifra “2020”. Forse un’uscita non troppo felice, dati gli eventi associati a quest’anno funesto. Ma è evidente che l’originalità sia il suo pane quotidiano.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend