Il tribunale decide a favore delle papere denunciate di schiamazzi: potranno ancora starnazzare a volontà

Commenti Memorabili CM

Il tribunale decide a favore delle papere denunciate di schiamazzi: potranno ancora starnazzare a volontà

| 01/07/2020
Il tribunale decide a favore delle papere denunciate di schiamazzi: potranno ancora starnazzare a volontà

Paperino ha vinto ancora: e le sue amiche papere potranno continuare a fare QUA QUA.

  • In Francia, a Dax, un uomo ha denunciato la sua vicina
  • Per l’esattezza, ha denunciato gli schiamazzi delle sue oche e papere
  • Il tribunale però non gli ha dato ragione
  • Le oche e le papere potranno continuare a starnazzare
  • Fino a quando non finiranno in pentola

 

Quando senti da mattina a sera clacson, strepiti e urla forse pensi: ah, che bella la pace della campagna. Forse non sai che anche la campagna ha il suo bel rumoreggiare: una vasta ed esaltante tipologia di suoni sconosciuti ai cittadini. Tra questi deliziosi suoni naturali possiamo elencare il canto del gallo, il nitrito dei cavalli, il belare delle pecore, e lo starnazzare delle oche. Ecco, sulle oche scatta l’ennesimo contenzioso legale.

La storia viene dalla Francia, e più precisamente dal paesino di Dax, che si trova nella parte sud-ovest del Paese. Qui, da oltre trent’anni, la signora Dominique Douthe porta avanti la sua azienda agricola in pace e tranquillità. Nello specifico, la signora alleva oche e papere. Allo stato attuale, ne ha in tutto 60, che dalla mattina alla sera fanno quello che sanno fare meglio: starnazzare.

Il nuovo vicino di casa della signora Douthe non si aspettava che questi simpatici pennuti potessero essere tanto rumorosi. Si era trasferito a Dax nel giugno del 2018 per sfuggire alle grandi metropoli francesi e ritrovare uno stile di vita più consono ai ritmi della natura. Però non sapeva che la sua vicina aveva un allevamento di papere. La cosa ben presto ha cominciato a dargli sui nervi, al punto che si è rivolto ad un avvocato per denunciare la signora Douthe e il suo allevamento chiassoso.

Papere in pericolo

“Non posso uscire in cortile, né schiacciare un pisolino con la finestra aperta” pare abbia detto. Lo schiamazzo infernale delle oche giulive impediva al buon uomo di trovare la pace tanto cercata. Così, ecco Dominique e le sue 60 oche e papere finire davanti ad un giudice paludato. Per le povere bestie c’era in ballo la pellaccia, con tanto di piume e tutto. Il tribunale avrebbe infatti potuto ingiungere all’allevatrice di sopprimere gli animali.

Per fortuna c’è un lieto fine. Infatti il tribunale, dopo aver persino convocato un perito acustico, ha determinato che lo starnazzare degli animali della signora Douthe non è affatto “insopportabile”. Quindi le bestiole sono sane e salve… almeno per un po’.

Leggi anche: Pubblica un annuncio per trovare compagnia al suo papero solitario: e qualcuno risponde

Per amor di cronaca, dobbiamo chiarire che l’allevamento ha scopo culinario. Le poverine finiranno comunque in padella.“Non volevo però che qualcun altro mi dicesse quando dovevo uccidere le mie papere” ha protestato Dominique. Quel che conta, in ogni caso, è che la giustizia ancora una volta abbia ribadito che i suoni della natura non possono essere considerati lesivi per la pace degli esseri umani.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend