Qual è il participio passato di “prudere”? [+COMMENTI]

Commenti Memorabili CM

Qual è il participio passato di “prudere”? [+COMMENTI]

| 19/05/2022

“Oggi mi prude il naso come non mi aveva mai…?”

  • Le regole della grammatica italiana mettono alla prova anche i madrelingua
  • Tra gli errori più comuni c’è sicuramente la coniugazione dei verbi
  • Alcuni di questi, infatti, non sono semplici
  • Un esempio? Il participio passato del verbo “prudere”
  • Ecco le delucidazioni dell’Accademia della Crusca

 

Tutti noi sappiamo il significato del verbo “prudere“. Il verbo sta a indicare la sensazione di prurito, ovvero quella che provoca il desiderio di grattarsi. Ad ogni modo, la parola “prudere” è un verbo e – in quanto tale – è soggetto alle varie coniugazioni. Proviamo a fare un esempio con il participio passato: “Oggi mi prude il naso come non mi aveva mai…?”.

Ecco. Ci risiamo. Siamo di fronte a uno di quei verbi che non si vorrebbero mai incontrare: quelli che dividono il web in cerca di risposte. Quindi, qual è il participio passato del verbo “prudere”? A questa curiosa domanda ha prontamente risposto l’Accademia della Crusca.

L’analisi dell’Accademia della Crusca

Siete ancora alla ricerca di un’eventuale risposta corretta come “pruso”, “pruduto”, “prurso” e altre improbabili e cacofoniche ipotesi? Rilassatevi. Questa volta la risposta è più semplice di quanto pensiate. Il participio passato del verbo “prudere” non esiste. Si tratta infatti di un verbo difettivo.

Secondo quanto specificato dall’Accademia della Crusca, infatti, “prudere” è uno di “quei verbi che mancano di alcuni modi, tempi o persone verbali. Prudere presenta la terza persona singolare e plurale dei tempi semplici: indicativo presente (prude, prudono), imperfetto (prudeva, prudevano), futuro (pruderà, pruderanno); congiuntivo presente (pruda, prudano), imperfetto (prudesse, prudessero); condizionale presente (pruderebbe, pruderebbero); gerundio presente (prudendo). Non si usano dunque né il participio presente né il participio passato. La risposta corretta alla frase, quindi, è: “oggi mi prude il naso come non aveva mai fatto”.

Leggi anche: Significato di “Una tantum”: la spiegazione dell’Accademia della Crusca

Inoltre, si tratta di un verbo intransitivo. Infatti, viene usato prevalentemente in modo impersonale, come ad esempio “mi prude il naso”. Per la coniugazione al passato remoto, infine, l’Accademia ha spiegato che “anche se poco comuni, sono corrette entrambe le forme prudé e prudètte (e di conseguenza prudérono/prudèttero)”.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend