Giro d’Italia: passaggio a livello abbassato, ciclisti costretti ad aspettare il treno [+VIDEO]

Commenti Memorabili CM

Giro d’Italia: passaggio a livello abbassato, ciclisti costretti ad aspettare il treno [+VIDEO]

| 18/05/2021
Fonte: Twitter

Passaggio a livello abbassato al Giro

  • Durante la decima tappa della Corsa Rosa
  • I fuggitivi hanno dovuto attendere quaranta secondi
  • Fermi davanti al passaggio a livello abbassato
  • Aspettando che transitasse il treno
  • Ma non è il primo caso al Giro d’Italia

 

Ha del clamoroso quanto è accaduto al Giro d’Italia, con i ciclisti fermi di fronte al passaggio a livello abbassato. Tutto è successo durante la decima tappa che da L’Aquila portava a Foligno. Entrando a Rieti, ecco un insolito imprevisto: le sbarre chiuse per via del treno che stava per transitare.

Una situazione a cui gli automobilisti sono abituati, ma che certo non dovrebbe accadere nel bel mezzo una corsa ciclistica, oltretutto la più importante del nostro Paese. Il passaggio a livello abbassato al Giro ha provocato un gran caos. Era infatti in atto una fuga, con cinque corridori in testa con circa tre minuti di vantaggio sul gruppo.

I fuggitivi hanno perso circa quaranta secondi

Poi, come detto, il semaforo rosso e le sbarre che hanno impedito il loro passaggio. Risultato? Parecchia “arrabbiatura”, se così vogliamo definirla e il gap che avevano accumulato rispetto al resto della carovana che si è ridotto di circa quaranta secondi. A nulla sono valsi nemmeno i tentativi di calmare gli animi dei cinque da parte del dirigente sportivo del Giro Stefano Allocchio che segue in ammiraglia la corsa.

Il treno doveva transitare dal passaggio a livello di Villa Reatina e così hanno dovuto attendere. Per loro, poi, anche la beffa. Per la direzione di gara un inconveniente del genere, seppur i cinque fuggitivi fossero totalmente incolpevoli, è paragonato ad un guasto meccanico. Insomma, il tempo perso era perso e si sono dovuti mettere di buona lena per cercare di riportare il vantaggio com’era prima.

Non è la prima volta che il Giro si ferma per un passaggio a livello abbassato

Tanta fatica sprecata, dunque. E, manco a dirlo, il resto della Corsa Rosa ha ripreso i fuggitivi, con la tappa che si è conclusa in volata. Braccia al cielo per lo slovacco Peter Sagan, davanti a Fernando Gaviria e al nostro Davide Cimolai.

Leggi anche: Violenta rissa tra due squadre di operai tra le strade del Giro d’Italia

Ma quella del passaggio a livello abbassato al Giro non è certo la prima volta. È successo anche nel lontano 1957 a Capo d’Orlando. In quel caso, tuttavia, i ciclisti scelsero di rischiare – e anche grosso – passando al di sotto delle sbarre. Opportunità che questa volta fortunatamente è stata impedita dalla Polizia.

 

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend