Credevano fosse un sottomarino nemico, ma erano peti di aringa

Commenti Memorabili CM

Credevano fosse un sottomarino nemico, ma erano peti di aringa

| 01/12/2020
Credevano fosse un sottomarino nemico, ma erano peti di aringa

Vi avvisiamo: questa è la storia più bella che avete mai letto… ed è vera!

  • 1981: un sottomarino russo si arenò sulle coste svedesi
  • La Guerra Fredda era finita, ma la tensione era ancora alta
  • Gli ufficiali russi parlarono di un guasto, ma i militari svedesi non si fidavano
  • Anche quando il sottomarino fu riparato e se ne andò, gli svedesi continuarono a monitorare le acque territoriali
  • Spesso si captavano strani suoni sfrigolanti
  • Solo 15 anni dopo si scoprì di cosa si trattavano
  • Erano i peti subacquei di aringa

 

Non molto tempo fa, si sfiorò una guerra nucleare a causa dei gas intestinali delle aringhe. La faccenda ebbe inizio nel 1981, quando un sottomarino sovietico si arenò in Svezia. Aveva abbondantemente sconfinato, ma pare si fosse trattato di un guasto e di un errore di rotta. La Guerra Fredda era finita, ma non del tutto archiviata. La tensione restò alta finché il mezzo non se ne tornò da dove era venuto.

Anche dopo, però, gli svedesi non si sentivano tranquilli. Durante la permanenza del sottomarino russo avevano infatti verificato che a bordo c’era materiale radioattivo. Un conflitto nucleare era sempre alle porte: valeva la pena di restare sul chi va là. I sonar scandagliavano le acque territoriali notte e giorno per scoprire eventuali movimenti sospetti. E motivi per stare in guardia ce n’erano parecchi.

Peti di aringa

Capitava sovente che venissero uditi degli strani suoni. Immediatamente venivano mandati dei sub in ricognizione per scoprire se si trattasse di un mezzo sottomarino russo. Ogni volta però non si trovava nulla. La faccenda era strana, e anche snervante. Alla fine si decise di chiedere aiuto ad un professore dell’Università, Magnus Wahlberg. Era il 1996. Il professor Wahlberg ascoltò con attenzione quei suoni misteriosi, e non ci mise molto a capire di che cosa si trattava.

Fece una bella lezione ai militari della base navale svedese. Le aringhe hanno la vescica natatoria collegata all’ano, spiegò. Quando si sentono sotto pressione possono emettere dei gas attraverso l’ano. Questa azione provoca anche un suono sfrigolante, come quello captato di frequente negli ultimi 15 anni. Quello che gli svedesi malfidati avevano ascoltato per tutto quel tempo erano solo… i peti di un’aringa (probabilmente, più di una).

Leggi anche: La “Willie Dee”, la nave da guerra più imbranata della storia

Fu il professor Wahlberg, assai impietosamente, a rendere questa imbarazzante storia di dominio pubblico. La morale è: prima di sganciare una bomba atomica in testa a qualcuno perché ti ha fatto una pernacchia, pensaci sempre due volte (o 15 anni).

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend