Bambina di 4 anni impara a programmare prima ancora di aver imparato a scrivere

Commenti Memorabili CM

Bambina di 4 anni impara a programmare prima ancora di aver imparato a scrivere

| 02/07/2020
Bambina di 4 anni impara a programmare prima ancora di aver imparato a scrivere

Imparare a programmare ancor prima di imparare a leggere e scrivere correttamente? Sì, con l’aiuto di mamma e papà.

  • Programmare non è di certo un gioco da ragazzi
  • Anshi Perla ha solo 4 anni, non sa ancora leggere e scrivere correttamente, eppure è perfettamente in grado di programmare un’API
  • Il passatempo è nato durante la quarantena, guardando lavorare mamma e papà, programmatori di software
  • Un’API è essenzialmente ciò che mette in comunicazione un’app con un’altra; Anshi la sfrutta per far comparire i propri personaggi preferiti
  • Grazie alle stringhe di testo pre-fornite da papà, la bambina sceglie ed elabora in autonomia
  • Il futuro della programmazione si aprirà davanti agli occhi di questa bimba particolarmente sveglia?

Di ragazzini prodigio ne nasce uno ogni cinquant’anni. Anshi Perla non sarà forse il nuovo Einstein, ma di certo è una bimbetta sveglia, attirata dalle stringhe di testo sui computer di mamma e papà. Mamma Sri, 28 anni, e papà Akhilesh, 35 sono due sviluppatori di software con sede a Londra. Durante i lunghi mesi di lockdown, intrattenere una bimba così piccola non è stato facile. Anshi, però, pare abbia mostrato fin da subito una certa curiosità per la programmazione, che mamma e papà sono stati ben lieti di assecondare.

“Anshi voleva essere coinvolta”, ha affermato Akhilesh alle penne di Metro. “Quando mi sedevo al lavoro al mattino, si avvicinava e diceva ‘papà, papà, voglio giocare!’ Si stava annoiando dei suoi giocattoli, quindi l’ho lasciata sperimentare con tastiera e mouse per vedere se potesse davvero riuscire ad usarli”. In quattro e quattr’otto, la piccola Anshi si dimostrò piuttosto capace, muovendosi rapida e digitando le lettere del proprio nome. Dopo 4 giorni di programmazione accelerata, la bambina è stata in grado di interfacciarsi perfettamente con una API, Application Programming Interface.

Programmare una API in 3 minuti a soli 4 anni.

Per tutti coloro che non masticano particolarmente bene questo tipo di linguaggio, papà Akhilesh ci spiega in soldoni cosa significhi programmare una API. “Ogni volta che usi un’app come Facebook o controlli il meteo sul tuo telefono, stai utilizzando un’API”, spiega. Un’API è un software che consente a due app di comunicare tra loro. Questo è essenzialmente quello che sta facendo Anshi, anche se con input più semplicistici. Lei opera su ciò che accade in background, la domanda e la risposta che gli utenti non vedono”.

Ovviamente la bambina ha solo 4 anni e non può programmare da zero per svariati motivi, compreso il fatto che non sappia ancora sillabare perfettamente e neppure scrivere. A questo proposito entra in campo papà, che con le sue stringhe di codici preimpostati dona ad Anshi una rosa tra cui scegliere. Se vi state domandando quale sia il modo tecnico nel quale la bambina sia in grado di far apparire Peppa Pig sul proprio schermo grazie a comandi in background, la risposta è semplice. Innanzitutto apre il programma di codici Anypoint Studio ed avvia un nuovo progetto, chiamato sempre Anshi. Dopotutto, ha pur sempre 4 anni.

Dopodiché configura il codice, sceglie una delle domande tra le stringhe realizzate da papà e quindi imposta la risposta, ciò che deve essere generato in relazione a quella specifica domanda. Una foto del suo orsacchiotto? L’immagine di un cartone animato? È forse un piccolo passo per noi adulti skillati, ma sicuramente un innesco fondamentale per una bambina così piccola. Le potenzialità di Anshi sono illimitate e mamma e papà sperano che la piccola continui a coltivare questa passione nel tempo. Che Anshi Perla sarà forse la prossima Bill Gates? Non ci resta che aspettare.

Leggi anche: Altro che Covid-19: in arrivo una nuova catastrofe a dicembre, lo dice il bambino prodigio Anand

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend