Spende 450 euro per una telefonata hot con Raffaella, ma era un uomo

Commenti Memorabili CM

Spende 450 euro per una telefonata hot con Raffaella, ma era un uomo

| 22/01/2023

Verbano-Cusio-Ossola. Paga 450 euro per poter intrattenere una conversazione a luci rosse con Raffaella, ma scopre che in realtà è un uomo.

  • Un uomo di 52 anni voleva intrattenere una conversazione piccante con Raffaella, una bellissima donna conosciuta su un sito di incontri
  • Il cinquantaduenne aveva anche sborsato 450 euro per poterla ammirare tramite webcam
  • Il giorno dell’incontro, la donna è sparita nel nulla
  • L’uomo l’ha denunciata per truffa e ha scoperto che, in realtà, Raffaella era un uomo
  • Il truffatore si è presentato al processo per truffa aggravata, che si è concluso con un accordo tra le parti

 

La vicenda è un po’ datata, ma degna di memorabilità. Voleva intrattenere una conversazione telefonica a luci rosse con Raffaella, la bellissima donna che aveva conosciuto tramite una chat in un sito di incontri.

Le sue foto a luci rosse avevano acceso il suo desiderio. La desiderava al punto da sborsare ben 450 euro divisi in due ricariche sulla sua PostePay, solo per sentire la sua voce e ammirarla tramite la webcam per un paio d’ore.  E invece – suo malgrado – ha scoperto che si trattava di un uomo.

Da Raffaella a “Raffaello”

Il giorno dell’incontro la bella Raffaella è scomparsa nel nulla. Così un uomo di 52 anni di Verbania ha sporto denuncia per truffa presso le forze dell’ordine.

Dalla segnalazione è scattata un’indagine da parte della questura di Verbania, e i poliziotti sono riusciti a risalire ai dati anagrafici del truffatore.

Leggi anche: Chiaverano: esibizione a luci rosse sul pontile del lago Sirio

Grazie ad un semplice tracciamento dei pagamenti effettuati sulla PostePay, si è scoperto che la bellissima Raffaella era in realtà un uomo residente fuori dal Piemonte, che per comodità chiameremo “Raffaello“.

Raffaello è stato quindi convocato a processo con l’accusa di truffa aggravata. Il processo – tenutosi a Verbania – si è risolto tramite un accordo tra le parti. L’uomo di 52 anni è stato risarcito e di conseguenza la querela è stata revocata.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend