Rapina un bar ma finisce la benzina mentre scappa: chiama la madre e si costituisce[+ COMMENTI]

Commenti Memorabili CM

Rapina un bar ma finisce la benzina mentre scappa: chiama la madre e si costituisce[+ COMMENTI]

| 02/08/2021

Tenta la fuga dopo la rapina ma rimane senza benzina, così decide di farsi soccorrere dalla madre

  • L’episodio è avvenuto a Lentate sul Seveso, in provincia di Monza
  • Il ladro, già noto alle forze dell’ordine, aveva da poco rapinato un bar della zona
  • A seguito della rapina ha tentato la fuga per poi finire la benzina e farsi raggiungere dalla madre
  • Si è quindi visto costretto a frenare la sua corsa
  • Dopo le disastrose vicende post furto, l’uomo si è costituito ai Carabinieri

 

Un trentasettenne ha prima rapinato un bar per poi tentare la fuga sulla propria autovettura. Peccato, però, che la sua cosa si sia dovuta arrestare pochi chilometri più avanti a causa del serbatoio di benzina vuoto. Si è quindi visto costretto ad avvertire la madre, la quale lo ha raggiunto sul luogo segnalato telefonicamente.

L’episodio è avvenuto a Lentate sul Seveso, in provincia di Monza. Il trentasettenne, già noto alle forze dell’ordine con all’attivo reati penali precedentemente commessi, si era recato in un bar di via Cadorna a Birago armato di coltello e rubando il registratore di cassa con parte dell’incasso della giornata.

Fugge in auto dopo la rapina ma si accorge di essere senza benzina: si fa raggiungere dalla madre

In seguito al furto, è montato sulla sua Audi A3 iniziando così la sua folle corsa. Percorso un certo tratto di strada, però, si è accorto della mancanza di carburante nel serbatoio.

Senza benzina, e quindi impossibilitato a far partire l’auto dopo la rapina, ha avvertito la madre la quale, sotto il suo volere, lo ha portato presso il comando dell’Arma dei Carabinieri di Lentate per farlo costituire.

Oltre al reato di rapina e furto presso il bar di Birago, i militari hanno notificato al trentasettenne anche altre denunce relative a precedenti eventi su cui c’erano già indagini in corso.

Tra queste, l’apposizione di uno scritto anonimo con minacce all’ingresso di un condominio risalente al 17 luglio scorso ed il furto di un blocchetto di sessanta Gratta e Vinci per un valore commerciale di 300 euro avvenuto il 24 luglio presso il bar tabacchi di via Vittorio Veneto a Camnago Volta.

Leggi anche: Rapina a mano armata al ristorante: cliente continua a mangiare le sue alette di pollo [+VIDEO]

Per quanto riguarda il registratore di cassa sottratto all’ultimo bar preso di mira dal ladro, invece, è stato riconsegnato al legittimo proprietario.

 

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend