Risse, lunghe file e carrelli usati come armi nei supermercati per ottenere un pupazzetto

Commenti Memorabili CM

Risse, lunghe file e carrelli usati come armi nei supermercati per ottenere un pupazzetto

| 02/12/2019
Risse, lunghe file e carrelli usati come armi nei supermercati per ottenere un pupazzetto

Per un normalissimo pupazzetto arancione, la gente è arrivata addirittura a usare i carrelli per la spesa come armi improprie, un modo sbrigativo ma comunque “efficace” per eliminare la concorrenza. Un caso emblematico è stato quello di Knutsford, località di 20mila abitanti non molto distante da Manchester e di cui non si parla mai. La fila in questione è stata una delle più lunghe.

Nessuno l’ha misurata ma ci si può fidare delle foto scattate sul posto per avere un’idea delle dimensioni. Le scatole con Kevin la Carota sono state distrutte invece senza troppi complimenti in quel di Greenock, in Scozia (la città è molto vicina a Glasgow). A Wollaston, poi, la gente non si è accontentata degli altri pupazzi lanciati da Aldi, soltanto Kevin ha provocato il panico.

I dipendenti del supermercato hanno provato a consegnare le scatole con altri personaggi inventati dal marchio, vale a dire Russell il Cavolino di Bruxelles e Tom il Pomodoro, ma senza alcun successo. Anzi, le persone in coda da qualche ora hanno addirittura lanciato degli ortaggi contro l’ingresso del negozio per protestare per il minimo secondo di ritardo. Sui social è stato pubblicato di tutto.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend