I robot che annusano la qualità di alito e piedi: odori a prova di automa

Commenti Memorabili CM

I robot che annusano la qualità di alito e piedi: odori a prova di automa

| 16/09/2020
I robot che annusano la qualità di alito e piedi: odori a prova di automa

Alito e piedi sub judice

  • Alito e piedi fanno spesso pensare a odori e fragranze non proprio gradevoli: in Giappone hanno ideato i robot giusti
  • Questi automi sono fondamentali per annusare direttamente la bocca e gli arti inferiori
  • Nel caso dell’alito, a giudicare è un volto dai tratti tipicamente femminili
  • Per quel che riguarda i piedi, invece, il duro compito è stato assegnato a un cane
  • Entrambi sono inflessibili e non le mandano a dire quando qualcosa non va

 

Alito e piedi: bastano queste due parole per capire di cosa si stiamo parlando. Sia la bocca che gli arti inferiori sono infatti caratterizzati da un problema fin troppo comune, l’odore non proprio gradevole. La “fiatella” e la fragranza che ricorda diversi formaggi andati a male imbarazzano chiunque, ma in Giappone hanno inventato i robot giusti.

Sono due gli automi che permettono di capire se gli odori di questo tipo non sono proprio il massimo, un giudizio disinteressato e che potrebbe venire in soccorso delle persone che non sono proprio sicure. L’azienda che ha pensato ad alito e piedi come priorità assolute si chiama CrazyLabo e ha sede per l’appunto nella nazione nipponica. Il robot che annusa la bocca risponde al nome di Kaori, proprio come il personaggio di un celebre e indimenticabile spot di un famoso formaggio spalmabile.

Alito e piedi robotici

Fonte: Focus

Igiene orale da migliorare

Il termine in giapponese significa “aroma”: il dispositivo ha la forma di un volto femminile che “annusa” l’alito e fornisce il suo responso. Kaori è stata programmata per sgridare chi non si lava i denti troppo spesso, invitando i diretti interessati a fare qualcosa di più per quel che riguarda l’igiene orale. Il secondo robot, invece, ha a che fare con i piedi. La forma scelta per modellare l’automa è quella di un cane, un bulldog per la precisione.

Leggi anche: L’esperimento medico per capire se ci si ubriaca immergendo i piedi nella vodka

Se l’odore è buono e tollerabile, allora il quattrozampe senza pelo si mette a scodinzolare, facendo intuire il suo gradimento. In caso contrario, si assiste a un vero e proprio svenimento del finto animale, un altro chiaro segnale che il talco e il sapone dovrebbero essere usati meglio dalla persona. I giapponesi sono sempre avanti dal punto di vista tecnologico e di sicuro non penseranno soltanto ad alito e piedi per i robot del futuro.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend