L’animale domestico del futuro: la sanguisuga

Commenti Memorabili CM

L’animale domestico del futuro: la sanguisuga

| 13/01/2021
L’animale domestico del futuro: la sanguisuga
Fonte: Instagram

E tu la vorresti una sanguisuga come animale domestico?

  • Ariane Khomjani ha come animale domestico una sanguisuga
  • Anzi, a dire il vero ne ha più di una
  • Dice che le sanguisughe sono affettuose e gentili
  • Le nutre con il suo stesso sangue
  • A chi denigra i suoi animaletti, chiede “Come ti sentiresti se qualcuno parlasse così del tuo cane?”

 

Le sanguisughe sono animali utili, non possiamo negarlo. Al mondo ne esistono circa 600 specie e, anche se non tutte succhiano il sangue, la maggior parte di loro ha questa curiosa caratteristica. Per circa 3 millenni questi anellidi sono stati usati in campo medico, e lo sono tuttora. Ma diciamoci la verità: a chi verrebbe in mente di tenere una sanguisuga come animale domestico?

La risposta è: ad Ariane Khomjani. Ariane ha presentato alla stampa i suoi quattro “cuccioli”: Laera, Liidra, Lykra e Lars. Sono quattro esemplari di Hirudinaria manillensis, l’equivalente asiatico dell’Hirudo medicinalis europeo. In un’intervista, Ariane ha affermato che le sanguisughe sono deliziosi animali domestici. Ognuno di loro ha una carattere diverso: c’è chi è più socievole ed espansivo e chi è più timido. Tutte, però, succhiano il suo sangue.

La sanguisuga come animale domestico consuma poco: succhia solo il tuo sangue

Sempre a detta di Ariane, sembra che il  vantaggio maggiore nel possedere una sanguisuga come animale domestico risieda nel fatto che richiede pochissime cure. Infatti deve essere nutrita solo di rado: potrebbe bastarle addirittura una sola “scorpacciata” l’anno, ma la media è di nutrirla una volta ogni 3-6 mesi. Ariane offre il suo stesso sangue. Dice che le ferite non fanno male, anche se ci mettono parecchio tempo a rimarginarsi.

Leggi anche: L’animale domestico preferito durante la pandemia: le lumache

Infatti la saliva della sanguisuga ha proprietà particolari, che mantengono al ferita aperta allo scopo di potersi nutrire. In realtà dare alle sanguisughe, per quanto domestiche, il proprio plasma non è un’idea saggia. Potrebbero verificarsi infezioni o reazioni allergiche. In alternativa, gradiscono fegato crudo o sangue riscaldato (preso in macelleria). Saremo pure dei tradizionalisti: ma noi continuiamo a preferire cani e gatti, nonostante i peli.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ScienceAlert (@sciencealert)

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend