La Shed School: la scuola virtuale in un capannone che aiuta i bambini piccoli durante la pandemia

Commenti Memorabili CM

La Shed School: la scuola virtuale in un capannone che aiuta i bambini piccoli durante la pandemia

| 24/04/2020
La Shed School: la scuola virtuale in un capannone che aiuta i bambini piccoli durante la pandemia

Ashley Bates è la giovane mente dietro la Shed School, la scuola gratuita e da remoto che va in onda da un capannone.

  • Con la chiusura delle scuole, tenere in casa i più giovani senza farli morire di noia non è sempre facile
  • Come unire l’utile al dilettevole, facendo qualcosa per la propria comunità?
  • Nasce la Shed School, una scuola online offerta da dentro un capannone a tutti quei bimbi che vogliono divertirsi imparando

La quarantena ci obbliga a trovare sempre modi nuovi per intrattenere i nostri adorabili pargoli, bloccati in casa senza la possibilità di giocare e passare con gli amichetti del buon tempo di qualità. Un insegnante britannico ha così deciso di rimboccarsi le maniche per cercare di insegnare divertendo a tutti quei bimbi reclusi in casa ma muniti di una solida connessione ad internet. Ashley Bates, il giovane maestro inglese, ha deciso di metter su l’iniziativa Shed School, una scuola online gratuita direttamente da dentro il suo piccolo capannone.

Con cappelli da pirata, una simpatica scimmietta ed una webcam, Ashley si impegna ad occupare le ore dei bravi scolari in maniera intelligente e proficua. Con i suoi corsi di inglese e di matematica offerti quotidianamente, il giovane insegnante sembra essersi guadagnato un bel seguito. Da una decina di bimbi, si è giunti rapidamente ad oltre quattromila da tutto il mondo. Niente male per un’idea nata quasi per caso! Quando un vicino di casa gli domandò di dare ripetizioni al figlio, Ashley venne colto da un lampo di genio. “Ho pensato che potevo aiutare i miei vicini, ma poi ho capito di voler aiutare il maggior numero possibile di famiglie in tutto il paese”.

La Shed School: la scuola nel capannone dove imparare la matematica rimanendo uniti.

Poi, inaspettatamente, il paese è divenuto il mondo intero. “I grandi poteri della tecnologia mi hanno permesso di insegnare ai bambini di tutto il mondo! Direttamente dal mio capannone, fin dentro le loro camerette”. Non solamente un intento educativo, quanto soprattutto la volontà di andare a ricreare un senso di gruppo e di appartenenza. Dopotutto, a chi non mancano i propri compagnucci di banco? “Ho creato una piattaforma in cui i bambini possano sentirsi come in una tribù. Ho dato loro uno spazio in cui ogni giorno possono vedere un volto familiare che non è la loro mamma o il loro papà, dove imparano anche cose interessanti”.

Shed School

Fonte: Facebook

Leggi anche: La scuola elementare che fa mangiare ai bambini i pesci da loro stessi allevati

I quattromila bimbi sparsi in tutto il mondo inviano spesso e volentieri testimonianze del loro lavoro, che Ashley appende con fierezza all’interno del capannone, condividendo volti sorridenti e lavoretti con tutta la comunità della Shed School. Insieme alle testimonianze dei piccoli amici, anche il ringraziamento dei numerosi genitori liberi di controllare le mail e bersi un tè caldo con un po’ più di tranquillità. Se siete curiosi di incontrare Ashley, munitevi di carta, penna e tanta allegria! La Shed School va in onda tutti i giorni gratuitamente tra le 10 e le 12.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend