Harrison Schmitt, l’astronauta che scoprì di essere allergico alla Luna

Commenti Memorabili CM

Harrison Schmitt, l’astronauta che scoprì di essere allergico alla Luna

| 11/08/2018
Harrison Schmitt, l’astronauta che scoprì di essere allergico alla Luna

L’uomo è stato l’ultimo a mettere piede sulla Luna, salvo poi scoprire che le polveri del satellite gli provocavano difficoltà respiratorie

Da quasi mezzo secolo l’uomo non mette più piede sulla Luna. L’onore di aver calpestato per ultimo il suolo del nostro satellite spetta all’astronauta Harrison Hagan Schmitt, meglio noto come Jack. Oggi è un arzillo e tranquillo vecchietto di 83 anni, ma è passato alla storia anche per una questione un po’ imbarazzante. Schmitt è infatti citato come il colmo per eccellenza quando si parla di scienziati specializzati in rocce lunari.

Che cosa potrebbe esserci di terribile per un personaggio del genere? Ebbene l’ex astronauta scoprì di essere allergico alla Luna proprio durante la sua esplorazione nello spazio. L’uomo ha ricordato e ricorderà per sempre questa missione e fortunatamente non è più tornato in orbita rischiando di sentirsi male. La sua storia è interessante. Dopo essersi laureato in Geologia ad Harvard iniziò a istruire gli astronauti sugli esperimenti da condurre durante le “escursioni” tra le stelle. La svolta per lui arrivò nel 1970, quando la Nasa lo selezionò come pilota sostituto per il modulo lunare in occasione della missione Apollo 15.

L'astronauta allergico alla Luna

La grande occasione era vicina.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend