Senza astuccio e senza penne: regole anti-covid bloccano bimbo a scuola per 5 ore

Commenti Memorabili CM

Senza astuccio e senza penne: regole anti-covid bloccano bimbo a scuola per 5 ore

| 18/10/2020
Senza astuccio e senza penne: regole anti-covid bloccano bimbo a scuola per 5 ore

Senza astuccio si può fare poco

  • Uno studente di appena 10 anni si è accorto di essere senza astuccio in aula e non ha potuto fare praticamente nulla
  • Il bimbo ha chiesto aiuto ai compagni ma nessuno ha potuto prestargli penne e matite
  • Le regole dell’istituto scolastico, d’altronde, parlano chiaro e sono tassative
  • Per scongiurare i contagi, è impossibile effettuare il classico scambio di materiale didattico
  • Le polemiche sul comportamento degli insegnanti sono state a dir poco infuocate

 

Una storia che non poteva non attirare l’attenzione di tutta Italia. Diversi quotidiani hanno riportato la disavventura di un bambino di appena 10 anni che era senza astuccio a scuola e che avrebbe trascorso le cinque peggiori ore della sua vita. Proprio la distrazione, cioè l’aver dimenticato questo oggetto così importante per ogni studente, non gli ha permesso di fare nulla. Il nuovo regolamento anti-covid vieta infatti che i compagni e gli insegnanti possano prestare penne, matite e quant’altro a chi ha la testa tra le nuvole.

I fogli dei quaderni sono dunque rimasti bianchi come la neve. Il bimbo senza astuccio si sarà annoiato a morte e non sono mancate le polemiche in rete per quanto accaduto, soprattutto per quella che sarebbe un’eccessiva intransigenza da parte delle maestre. Lo scambio di materiale didattico è impossibile, ma dove si è verificata una disavventura del genere?

I dettagli del racconto

Il fatto che a riportarla per primo sia stato un quotidiano della Sardegna, fa pensare che la scuola si trovi proprio nell’isola. Peccato che ci siano dei dubbi sulla ricostruzione, al punto da far temere un racconto costruito ad arte per fare polemica. Le perplessità sull’alunno senza astuccio fanno riferimento all’assenza di qualsiasi riferimento geografico preciso dell’istituto scolastico e persino il suo nome, come avviene spesso in situazioni del genere.

Leggi anche: Avellino, la scuola che divide gli alunni in base ai voti col distanziamento

Per dare qualche conferma in più al racconto, è stato reso noto il regolamento della scuola sarda, secondo cui lo zaino deve essere controllato e ripulito con la massima cura ogni giorno, facendo attenzione al contenuto per scongiurare appunto gli scambi di materiale. Di sicuro, la notizia continuerà a suscitare clamore per i dettagli così singolari e poco comuni.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend