19 anni e 11 omicidi: la storia del serial killer giapponese sordomuto

Commenti Memorabili CM

19 anni e 11 omicidi: la storia del serial killer giapponese sordomuto

| 19/03/2019
19 anni e 11 omicidi: la storia del serial killer giapponese sordomuto

Fu soprannominato il serial killer bambino. Ecco chi è e perché uccise

Quella del serial killer bambino è una storia che viene da lontano. Non solo perché proviene dal Giappone, ma anche perché per molti anni rimase sconosciuta. Seisaku Nakamura fu giustiziato nel 1944, ma la sua storia fu nascosta per moltissimi anni. Il Giappone non voleva infatti sconvolgere la sua popolazione nel pieno della seconda guerra mondiale.

Seisaku nacque nel 1924 in Giappone. Fin dai primi anni dimostrò di essere un bambino intelligente e sveglio, ma i suoi genitori non lo apprezzavano e anzi, si vergognavano di lui. Il motivo è che il bambino era nato sordo e muto (o solo sordo, secondo altre fonti). Ad ogni modo questa sua caratteristica era ritenuta una vergogna nel Giappone del primo novecento.

Nonostante i brillanti risultati a scuola, i genitori e i famigliari lo maltrattavano, lasciandolo spesso solo. Questo trattamento potrebbe essere stato la prima causa che portò il ragazzo a diventare un serial killer. Spesso solo e non voluto dalla famiglia, Seisaku iniziò ad appassionarsi ai libri, con i quali trascorreva la maggior parte del suo tempo.
serial killer

Qualcuno sostiene che furono proprio le sue letture a suggestionarlo e a condurlo verso il primo omicidio. Non sappiamo se sia davvero andata così o se siano solo supposizioni. Quello che è certo invece che, a soli 14 anni, Seisaku iniziò la sua promettente carriera da serial killer.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend