Squid Game Piemonte: come sarebbero i giochi a Torino? [+COMMENTI]

Commenti Memorabili CM

Squid Game Piemonte: come sarebbero i giochi a Torino? [+COMMENTI]

| 18/10/2021

Come sarebbero i giochi di Squid Game se fossero ambientati in Piemonte?

  • Netflix ha rilasciato un altra serie tv di successo: “Squid Game”
  • Si tratta di uno show a tema survival game ambientato a Seoul ai nostri giorni
  • Immaginate se “Squid Game” fosse ambientato in Piemonte
  • I giochi sarebbero diversi, specialmente in una città come Torino
  • Ecco alcuni esempi

 

Squid Game è la serie televisiva più seguita di Netflix. La trama è ambientata nella Seoul dei giorni nostri, dove 456 persone decidono di partecipare ad alcuni giochi per bambini per vincere il premio finale di 33 milioni di euro. E se Squid Game fosse ambientato in Piemonte? Quali giochi si potrebbero fare in una città come Torino?

Attraversare la rotonda di piazza Baldissera

I torinesi lo sanno: piuttosto che percorrere in auto la rotonda di piazza Baldissera è più facile superare la prova del “Un, due, tre, stai là” della prima puntata di “Squid Game”. Perciò la sfida è semplice, ma impossibile: attraversare la rotonda di piazza Baldissera in auto… in un tempo massimo di 5 minuti!

Primo gioco: “1,2,3… Diofa!”

Tagliare il Bönet a forma di stella senza farlo sciogliere

Se avete seguito il terzo episodio della serie, avrete già assistito ai famosi dolcetti tipici sudcoreani, oggetto della seconda sfida degli “Squid Game”: per l’ipotetica “edizione Piemonte” il dolce tipico per eccellenza è senza dubbio il Bönet. Si tratta sostanzialmente di un dolce al cucchiaio e che quindi tende a sciogliersi facilmente. Quale sarebbe la sfida? Ritagliare il Bönet a forma di stella senza rovinarlo né farlo sciogliere. Anche qui non è semplice ma un piemontese D.o.c.g. potrebbe fare la differenza, soprattutto dopo la seconda buta ‘d vin (Barbera o Barolo?).

Ponte sul PO.

Come sapranno i fan della serie, la penultima prova degli “Squid Game” prevede il passaggio sul ponte: certo, i partecipanti dell’episodio sono decisamente “motivati” a non perdere ed hanno non poche difficoltà per vincere, ma anche la versione del Piemonte non è da meno. La prova “Made in Turin” consiste nello sfidare il ponte di vetro. In caso di caduta, la morte non sarà per via della caduta stessa, ma la causa sarà da violento trauma da caduta sulle biciclette e motorini arrugginiti dello sharing lanciati nel fiume.

Ecco una fotografia della situazione:

biciclette nel po a torino

Fonte: Corriere

E voi, amici piemontesi: quali giochi vi aspettate nella terra sabauda? Scrivetelo nei commenti!

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend