Stella, il cane che parla tramite una tavola armonica personalizzata

Commenti Memorabili CM

Stella, il cane che parla tramite una tavola armonica personalizzata

| 18/02/2020
Stella, il cane che parla tramite una tavola armonica personalizzata

Tutti abbiamo visto su YouTube alcuni cani che sembrano parlare, ma Stella sta davvero imparando a comunicare grazie ad una tavola speciale…

  • Stella è una dolce cagnolina di razza meticcia che sta imparando a comunicare
  • Tramite un apposita tavola personalizzata, la cagnolina riesce a formulare dei pensieri
  • Oltre ad esprimersi, la cucciola sembra anche in grado di rispondere ad alcune domande

 

Stella è un incrocio Catahoula/Blue Heeler che sta imparando ad usare un congegno ad hoc per parlare con i suoi  umani. Di giorno, la sua proprietaria – Christina Hunger – lavora come patologa della comunicazione, ma di notte usa le sue abilità per insegnare alla sua cagnolina come “comunicare”. Hunger, che lavora a San Diego con bambini di 1 e 2 anni, ha iniziato a insegnare questo tipo di comunicazione alla sua Stella quando la cucciola aveva circa 8 settimane. Secondo Hunger, la cagnolina conosce già 29 parole e può anche formare frasi composte fino a cinque parole. Il sistema è dotato di una serie di pulsanti che, quando vengono premuti, riproducono una particolare parola ad alta voce.

Ad oggi, Stella si riesce ad esprimere quando vuole andare a fare una passeggiata o a giocare, quando ha bisogno di aiuto e anche quando le manca un particolare membro della famiglia. “Il modo in cui usa le parole per comunicare e le parole che abbina è davvero simile a quello di un bambino di due anni”, ha detto Hunger a People. La donna ha anche rivelato che l’uso del linguaggio della cagnolina cambia se si sente angosciata. Ad esempio, quando Stella sente un rumore all’esterno, preme il pulsante “guarda” ripetutamente prima di premere la parola “fuori”.

Stella, il cane “parlante”

La prima parola che Hunger ha insegnato alla sua cucciola è stata proprio “fuori“: premeva il pulsante e diceva “fuori” poco prima di aprire la porta. Alla fine Stella si rese conto della connessione tra la parola e il fatto di andare letteralmente fuori, e iniziò a premere il pulsante in modo indipendente“Non mi ero mai resa conto di quanto aspettasse di dirlo”, ha raccontato Hunger. Quando la donna iniziò a introdurre più parole, la cagnolina iniziò ad imparare sempre di più.

Un’altra parola preferita è “spiaggia“: “ama dire ‘spiaggia’. Era così felice e lo dice ancora molto spesso”. L’addestramento della cucciola si basa sulla comunicazione aumentativa e alternativa, nota anche come AAC. Come spiega Hunger sul suo blog, le persone hanno due abilità linguistiche: il linguaggio ricettivo, ovvero la comprensione linguistica, e il linguaggio espressivo, vale a dire quello che diciamo. Quest’ultimo non è sempre verbale. La donna sta documentando i progressi della cagnolina sul suo blog, Hunger For Words e sui social come Instagram e Facebook.

Progressi straordinari

Stella ora usa entrambe le zampe per premere i pulsanti. In precedenza, usava principalmente la zampa destra per accedere al suo dispositivo. Nelle ultime settimane, tuttavia, abbiamo notato che Stella si trova spesso al centro della sua tavola, preme un pulsante a destra con la zampa destra e poi preme un pulsante a sinistra con la zampa sinistra. Mi ricorda una persona che impara a digitare con entrambe le mani. Quando Stella usa entrambe le zampe, è in grado di comunicare i suoi messaggi più velocemente”, si legge nel blog di Hunger.

Secondo quanto riportato, la cagnolina è in grado non solo di dire quello che prova, ma anche di rispondere alle domande che la Hunger le pone: “Stella sta iniziando ad elaborare realmente i nostri messaggi e a rispondere. Ecco un recente esempio estratto da una conversazione che ho osservato tra Jake e Stella:

Stella: ‘Stella gioco’.

Jake: ‘Dove vuoi giocare? Ora mangeremo e poi giocheremo’.

[15-20 secondi di pausa]

Stella: ‘Mangiare Parco‘.

Dopo che Jake le ha detto cosa stava succedendo, Stella ha capito che ora stavamo andando a mangiare e poi avremmo giocato da qualche parte. Ci ha detto di ‘mangiare’ e poi dove voleva giocare” 

“Si assicura di avere la nostra attenzione mentre parla”

“Come ogni grande comunicatore, Stella si assicura di avere la nostra attenzione mentre parla. Non vuole parlare in una stanza vuota! Dice spesso ‘guarda’, aspetta che ci rivolgiamo verso di lei e poi dice il suo messaggio, controlla dietro di lei per vedere se stiamo prestando attenzione, o vocalizza prima di usare il suo dispositivo”, ha spiegato Hunger.

Leggi anche: Mork, storia del cucciolo ‘Baby Yoda’ salvato da un mattatoio cinese

“Dopo aver parlato, si ferma e ci guarda attendendo la risposta al suo messaggio. Queste osservazioni e la storia sopra citata mi mostrano quanto siano forti le capacità pragmatiche di Stella. Sta imparando e dimostrando regole di comunicazione che non ho nemmeno provato ad insegnarle! Sono in costante stupore e shock. Ogni giorno, dice qualcosa di più interessante di quello che ha detto il giorno prima”, ha commentato Hunger.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend