La storia dell’oggetto vibrante più conosciuto: guarigione dall’isteria o semplice divertimento?

  • Share

La cura all’isteria: Orgasmo o “parossismo isterico”?

Ansia cronica, irritabilità e senso di pesantezza addominale. Erano i sintomi di una patologia tutta femminile chiamata “isteria”.
Le prime spiegazioni mediche tendevano a dare la colpa di questi disturbi all’utero, che in greco si chiama “Hustera”. Da qui il nome “isteria”.

Accadde poi che, nel ‘700, la medicina iniziò ad aprirsi a delle possibili correlazioni tra sintomi di malessere e stati mentali.

storia del vibratore

E fu proprio questa la spiegazione che il medico scozzese Robert Whytt iniziò a dare ai frequenti attacchi isterici delle donne. Questi si presentavano con manifestazioni come: parossismi, tremore, panico e senso di soffocamento. Le cure all’epoca considerate adatte erano l’oppio ed il matrimonio. Perché il matrimonio? Perché finalmente con il matrimonio le donne avrebbero potuto avere un’attività sessuale.

All’epoca il sesso fuori dal matrimonio era inconcepibile e tanto meno era consentita la masturbazione femminile. Per cui, semplicemente queste povere donne erano solo frustrate per una mancata attività sessuale.

Comments

comments

Articoli correlati