Tanzania afferma: “Test dell’OMS difettosi, riscontrato Coronavirus in una capra e una papaya”

Commenti Memorabili CM

Tanzania afferma: “Test dell’OMS difettosi, riscontrato Coronavirus in una capra e una papaya”

| 11/05/2020
Tanzania afferma: “Test dell’OMS difettosi, riscontrato Coronavirus in una capra e una papaya”

Coronavirus in Tanzania, polemiche su “test difettosi”: una capra e una papaya risultate positive al Covid-19, ma l’OMS risponde…

  • Il presidente della Tanzania, John Magufuli ha messo in dubbio l’affidabilità dei test dell’OMS per rilevare il Coronavirus
  • Magufuli ha fatto raccogliere e inviare in laboratorio vari campioni – tra cui una capra e una papaya – spacciandoli per “umani”,  lasciando i tecnici ignari dell’inganno
  • Dai test effettuati, una papaya e una capra sono risultate positive al Coronavirus
  • L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha risposto alle critiche affermando di non essere d’accordo con le opinioni di Magufuli
  • Il direttore dell’Africa Centers for Disease Control (CDC), ha affermato che la Tanzania sta utilizzando gli stessi test che usano tutti i Paesi

 

I kit di test dell’l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per rilevare il Coronavirus hanno suscitato sospetti a Salaam, in Tanzania, dopo che una capra e una papaya sono risultate positive al COVID-19 in quello che il leader del Paese ha definito come un “errore tecnico”. Il presidente tanzaniano John Magufuli ha affermato di aver cercato di controllare la qualità delle apparecchiature di rilevamento delle malattie, che sarebbero state importate dall’estero.

Magufuli ha fatto in modo che le sue forze di sicurezza ricevessero campioni casuali da capre, pecore e da una papaya.  Il leader della nazione sub-sahariana ha poi assegnato loro nomi ed età umane e li ha inviati per sottoporli a un bizzarro test alla cieca. I tecnici di laboratorio erano completamente ignari delle origini dei campioni.

I risultati del test

Come appena accennato, dopo il test, una papaya, una quaglia e una capra sono risultate positive al Coronavirus. Attualmente i Centers for Disease Control and Prevention riferiscono che non ci sono prove che un frutto possa contrarre il COVID-19, anche se recentemente la malattia è stata riscontrata in alcune specie di animali. “Sta succedendo qualcosa”, ha detto Magufuli a Reuters. “I test difettosi possono essere la prova che alcune persone sono risultate positive alla malattia senza essere state effettivamente infettate, ha aggiunto.

“Di fronte a questa polemica, il presidente ha licenziato il direttore e il responsabile del controllo qualità del laboratorio principale, in attesa di possibili accertamenti su eventuali errori”, ha dichiarato il governo, aggiungendo di voler rendere pubblici i risultati dell’indagine una volta che questa sarà giunta al termine.

La risposta dell’OMS

I casi insoliti hanno portato a un confronto tra il Presidente della Tanzania e l’OMS, la quale si è espressa in difesa dei test utilizzati per individuare il Coronavirus. “Siamo convinti che i test […] non siano contaminati dal virus. Non siamo d’accordo con l’opinione del presidente John Magufuli, ha detto Matshidiso Moeti, direttore dell’organizzazione internazionale per l’Africa.

Leggi anche: Esperti dell’OMS “preoccupati” per la salute mentale delle persone in quarantena

Il dottor John Nkengasong, direttore dell’Africa Centers for Disease Control (CDC), ha affermato che la Tanzania sta utilizzando i test forniti dall’Africa CDC in collaborazione con la cinese Jack Ma Foundation: La Tanzania sta usando gli stessi test che usano tutti i Paesi. È improbabile che siano difettosi”.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend