Sapevi che c’è un test per capire se sei uno psicopatico?

Commenti Memorabili CM

Sapevi che c’è un test per capire se sei uno psicopatico?

| 08/08/2022
Fonte: Twitter

Il test ideato dallo psicologo forense Robert D. Hare

  • Lo psicologo forense Robert D. Hare ha ideato una lista di controllo composta da domande volte a diagnosticare la psicopatia
  • Il test è facilmente reperibile online
  • Tuttavia è stato oggetto di diverse critiche che lo ritengono troppo semplicistico o riduttivo
  • La lista di controllo contiene 20 attributi che potrebbero contribuire alla psicopatia, che devono essere valutati in tre categorie
  • Chiunque ottenga un punteggio superiore a 30 è a rischio psicopatia

 

Una definizione di psicopatia tratta da un documento scritto nel 2014 descrive il disturbo come “caratterizzato da risposte emotive carenti, mancanza di empatia e scarsi controlli comportamentali, che di solito sfociano in una persistente devianza antisociale e in comportamenti criminali”. Si ritiene che nella composizione degli psicopatici siano coinvolti diversi fattori, tra cui influenze genetiche, ma anche fattori di sviluppo. Le persone sembrano essere geneticamente predisposte al disturbo, ma anche la loro educazione e il loro sviluppo giocano un ruolo fondamentale. In ogni caso, negli anni ’70 uno psicologo forense di nome Robert D. Hare ha ideato una lista di controllo composta da domande volte a diagnosticare la psicopatia e il test è facilmente reperibile online.

Sebbene il suo lavoro fosse specificamente incentrato sul lavoro con i detenuti in Canada, è stato poi applicato anche al di fuori di queste circostanze. Ovviamente vale la pena sottolineare che il solo possesso di queste qualità non è intrinsecamente un segno di psicopatia, è molto più complesso di così, ma è certamente una lista di controllo interessante da leggere. Va precisato anche che il test è stato criticato da alcuni ambienti, che lo ritengono troppo semplicistico o riduttivo. I critici suggeriscono che il test non tenga conto della natura variabile e in continua evoluzione del comportamento umano, oltre a suggerire che molti dei criteri possono essere applicati anche ad altri disturbi e condizioni.

Come funziona il test

Questo test, dunque, non è assolutamente utile come una vera e propria valutazione psicologica. Ma ecco come funziona. La lista di controllo contiene 20 attributi che potrebbero contribuire alla psicopatia, che devono essere valutati in tre categorie: “non si applica”, che vale zero punti, “un po’ si applica”, che vale uno, e “si applica completamente”, che dà un voto di tre. Tutti questi punteggi danno luogo a un totale di 40 punti. Chiunque ottenga un punteggio superiore a 30 è probabilmente uno psicopatico.

Leggi anche: Com’è essere psicopatici? Lo rivela una psicopatica

Tra i criteri ci sono cose come il “fascino lezioso e superficiale”, l’“autostima grandiosa”, la “menzogna patologica”, la “mancanza di rimorso o di senso di colpa”, lo “stile di vita parassitario”, il “comportamento promiscuo” e la “versatilità criminale”. Tuttavia, l’elenco contiene alcuni criteri che potrebbero sorprendere. Vengono presi in considerazione anche elementi come la “mancanza di obiettivi realistici a lungo termine”, l’“impulsività” e l’“irresponsabilità”.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend