Prega davanti alla tomba della figlia per 30 anni, poi scopre che è quella sbagliata

  • Share

Un uomo si è recato due volte l’anno per “parlare” di fronte a una tomba sbagliata: gli addetti del cimitero si sono scusati con grande imbarazzo

Un errore imperdonabile e durato la bellezza di trent’anni. Dal 1988 a oggi un cittadino di Manchester è andato a pregare di fronte alla tomba della figlia morta appunto tre decenni fa. O almeno ha pensato di farlo nel posto giusto, sbagliandosi clamorosamente. L’uomo si chiama George Salt e ha raccontato ai giornali l’incredibile disavventura di cui è stato protagonista. Il fatto è avvenuto presso il Southern Cemetery della città inglese e sta facendo discutere parecchio.

Salt si è recato davanti alla tomba due volte l’anno, quindi in totale 60 volte. La bimba si chiamava Victoria ed è morta due giorni dopo la nascita. Non è chiaro se questa persona abbia avuto altri figli, ma è rimasto molto legato alla neonata che l’ha reso orgoglioso soltanto per 48 ore. Ha creduto di “parlare” con lei, riflettere, confessare i pensieri più intimi prima di scoprire l’equivoco increscioso. Ma chi ha commesso questo errore?

George Salt di fronte alla tomba sbagliata

La storia è piena di coincidenze sfortunate.

Comments

comments

Articoli correlati