Sei una persona “difficile”? Prova a vedere se hai questi tratti

Commenti Memorabili CM

Sei una persona “difficile”? Prova a vedere se hai questi tratti

| 15/09/2022
Fonte: Facebook

Ci sono sette tratti che fanno apparire una persona difficile da frequentare

  • Alcuni ricercatori hanno scoperto i sette tratti chiave per considerare una persona come “difficile”
  • Al primo posto, la mancanza di sensibilità
  • La grandiosità
  • L’eccessiva aggressività
  • La mancanza di fiducia
  • La tendenza a manipolare le persone
  • La dominanza
  • La propensione al rischio

 

Alcuni ricercatori hanno messo a punto un test in grado di capire quanto sia difficile andare d’accordo con una persona in sole 35 domande. La dottoressa Chelsea Sleep e i ricercatori dell’Università della Georgia hanno studiato la struttura dell’antagonismo.

Ci sono sette tratti che aiutano a determinare se sei una persona difficile, secondo la ricerca. “I tratti evidenziati nel test della persona difficile possono rendere qualcuno, beh… “difficile” perché sono in diretta opposizione a ciò che rende una relazione sana”, ha spiegato lo psicologo Ramani Durvasula.

I 7 tratti chiave per considerare una persona “difficile”

1. Insensibilità

Il dottor Durvasula ha dichiarato che l’insensibilità, che è caratterizzata da una mancanza di empatia, può rendere qualcuno difficile perché l’empatia è un requisito fondamentale per le relazioni sane. Le persone altamente insensibili “non hanno alcun interesse per le esperienze degli altri”, ha aggiunto. Senza empatia è difficile stabilire una relazione sana, perché si perde la capacità di creare una connessione basata sulla vulnerabilità.

2. Grandiosità

Quando qualcuno ottiene un punteggio elevato in grandiosità nel Difficult Person Test, può riflettere una nozione che crede di essere superiore agli altri. Mentre una persona grandiosa può essere davvero attraente perché ha grandi sogni, può anche essere estenuante essere intorno.

“Le persone grandiose tendono a monopolizzare tutta l’attenzione”, ha detto il dottor Durvasula. “Pensano che tutto dovrebbe riguardare loro. Possono essere fuori dal contatto con la realtà, il che soffoca le loro relazioni interpersonali”.

3. Aggressività

Qualcuno con un alto livello di aggressività tende ad essere ostile e maleducato verso gli altri, il che non si presta esattamente ad essere una persona con cui è facile andare d’accordo, specialmente considerando che possono entrare in una stanza pronti per un alterco verbale.

“Tutto è una lotta. Hanno sempre i pugni alzati, quindi non c’è calore con loro”, ha dichiarato il dottor Durvasula. “Entri e ti sembra già di essere diretto a una rissa, quindi è quasi impossibile creare legami sociali sani. Essere aggressivi verso gli altri implica un’ interazione con le persone in un clima di paura invece che di collaborazione e di sicuro questo non può essere un bene.

4. Mancanza di fiducia

Essere irragionevolmente sospettosi non è l’ideale per andare d’accordo con le persone. “Le persone altamente sospettose pensano sempre al peggio: sono sospettose di tutti”, ha osservato il dottor Durvasula. “È molto difficile per loro stabilire la fiducia. Pensano sempre che qualcuno stia tramando alle loro spalle”.

5. Manipolazione

I manipolatori usano diverse forme di “sfruttamento” per ottenere ciò che vogliono invece di chiedere semplicemente aiuto. “Perché sono sfruttatori, approfittano costantemente degli altri, ottenendo ciò che vogliono e ciò di cui hanno bisogno, il che significa che probabilmente le altre persone non stanno ottenendo ciò che vogliono”, ha commentato il dottor Durvasula.

6. Dominanza

“Simile all’aggressività, la dominanza nelle relazioni opera sulla base della paura, ha spiegato Durvasula. “In una relazione dominante, non c’è equità. Non c’è condivisione. Non c’è nulla di costruttivo, ma una mania di controllo dettata dalla paura e un’altra persona che si sente controllata: questa non è la giusta dinamica per una relazione sana”.

7. Rischio

Ottenere un punteggio elevato nella propensione al rischio può significare più che avere un forte senso dell’avventura. Può riflettere una persona che cerca modi per provare emozioni attraverso comportamenti rischiosi o attività pericolose.

Leggi anche: Le sette fobie più strane esistenti 

“L’assunzione del rischio rientra in qualcosa che chiamiamo impulsività o disinibizione, quindi si tratta di aumentare la voglia di fare cose che sono pericolose”, ha detto il dottor Durvasula. “Non possono percepire le cose a meno che non siano sopra le righe”. Questo causa difficoltà ad andare d’accordo con gli altri perché le attività rischiose non sono fatte per connettersi con gli altri, ma per provare qualcosa.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend