I carabinieri lo trovano ubriaco al volante: assolto perché guidava piano

Commenti Memorabili CM

I carabinieri lo trovano ubriaco al volante: assolto perché guidava piano

| 11/08/2020
I carabinieri lo trovano ubriaco al volante: assolto perché guidava piano

Trovato ubriaco al volante e assolto: guidava piano ed è stato collaborativo con gli agenti

  • Nonostante sia stato trovato ubriaco alla guida, un 33enne della provincia di Treviso è stato assolto in appello
  • Inizialmente, lo avevano condannato a 20 giorni di carcere, 8 mesi senza patente e una multa di 1000 euro
  • Il signore, però, ha fatto ricorso e la sentenza è stata incredibilmente ribaltata
  • Anche se l’uomo aveva un tasso alcolemico pari al doppio dei limiti di legge, infatti, pare abbia adottato un comportamento esemplare
  • Un vero angelo: non solo guidava piano, ma è anche stato collaborativo con gli agenti

 

Quando si viene fermati e denunciati per guida in stato di ebbrezza, c’è poco da fare. Multa e ritiro della patente sono inevitabili. Un 33enne della provincia di Treviso, però, nonostante fosse ubriaco al volante, è stato assolto in fase di appello.

Intimandogli l’alt, i carabinieri avevano sottoposto l’automobilista al test del palloncino. Così, l’uomo era risultato positivo: il suo tasso alcolemico era più del doppio del limite consentito. In primo grado, il giudice aveva condannato l’uomo a pagare una sanzione di 1000 euro, oltre che 20 giorni di arresto e 8 mesi senza patente.

Il colpo di scena

La sentenza del processo in appello, però, ha lasciato tutti a bocca aperta. L’uomo, infatti, ha deciso di presentare ricorso ed è stato incredibilmente assolto. Il motivo della grazia? A quanto sembra, “la particolare tenuità del reato commesso“. Il pover’uomo, infatti, guidava prudentemente piano. Così, grazie alla sua irreprensibile cautela, il signore non ha causato alcun incidente.

Leggi anche: Ubriaco al volante, si nasconde nel letame per scappare dalla polizia

Non solo, una volta fermato dalle forze dell’ordine si è dimostrato gentile e pronto a collaborare. Insomma, quel che si dice una persona d’oro. Così, visto l’inappuntabile comportamento dell’ubriaco al volante, l’uomo ha ottenuto l’assoluzione. Tutto grazie a un colpo di spugna del giudice, che ha graziato l’uomo, nonostante avesse bevuto… come una spugna.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend