Uccellini si accoppiano in modo troppo focoso sulla linea elettrica: 1000 case al buio

Commenti Memorabili CM

Uccellini si accoppiano in modo troppo focoso sulla linea elettrica: 1000 case al buio

| 10/09/2019
Uccellini si accoppiano in modo troppo focoso sulla linea elettrica: 1000 case al buio

Quando la passione è esplosiva: l’attrazione fatale di due uccellini australiani.

Non sono solo gli esseri umani che possono provare un’attrazione fatale: anche nel regno animale ci sono passioni incontrollabili che possono sfociare in tragedia. Quello di cui stiamo parlando non è un omicidio dovuto ad un raptus di gelosia, né un triangolo amoroso scoperto drammaticamente. Ciononostante, gli esiti della vicenda non sono meno sconvolgenti.

I protagonisti della storia non sono un uomo e una donna, ma un maschio e una femmina di kookaburra. I kookaburra sono uccellini che vivono in Australia, tanto da essere detti il martin pescatore australiano. Sono piccoli e facilmente riconoscibili per via del loro verso, che è quello che ha dato origine al nome (kookaburra è un’onomatopea). Sono effigiati persino su una moneta.

I kookaburra sono dunque amatissimi dagli australiani – che gli hanno dedicato una canzoncina per i più piccoli. Due di loro, però, si sono involontariamente macchiati di un reato che ha creato grande disagio a buona parte della popolazione di Perth. Perth è la capitale dell’Australia occidentale ed è molto popolosa: ci vivono quasi due milioni di persone. Per mille di loro c’è stata una giornata particolarmente “nera” (in senso letterale).

L’estasi e il dramma

Un bel pomeriggio d’estate intorno alle ore 16:00 – un uomo stava passeggiando tranquillo con il suo cagnolino. Si trovava nella zona suburbana della capitale chiamata Carine, quando un certo schiamazzo ha attirato la sua attenzione. In alto, sui fili della luce, due kookaburra stavano facendo un grande clamore. Erano evidentemente molto eccitati e giravano l’uno attorno all’altro.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend