Umbria, lanciata petizione per intitolare una via a Jeeg Robot

Commenti Memorabili CM

Umbria, lanciata petizione per intitolare una via a Jeeg Robot

| 02/07/2020
Umbria, lanciata petizione per intitolare una via a Jeeg Robot

Via Jeeg Robot, lanciata a Narni l’originale petizione

  • Il Dipartimento Europeo Tutela Androidi ha proposto di intitolare una via a Jeeg Robot
  • Per ora, la petizione ha raccolto circa 100 firme
  • A supporto dell’iniziativa anche associazioni e personaggi dello spettacolo
  • La via dovrebbe sorgere a Narni, in provincia di Terni
  • Si tratterebbe della prima via italiana intitolata a un robot

 

Petizioni, voce del popolo. Uno strumento straordinario, in grado di puntare l’attenzione dritta ai problemi più impellenti dei cittadini. Con questo spirito è stata lanciata l’iniziativa per intitolare una via nientepopodimeno che a Jeeg Robot. La città che sarà onorata di cotanto pregio è Narni, la stessa che ha ispirato il famoso fantasy Le cronache di Narnia. La petizione è stata promossa dal Dipartimento Europeo Tutela Androidi. Tra gli scopi del Deta, avviarsi verso “un futuro di inclusione e fratellanza tra le comunità robot e organiche”. Insomma, un obiettivo decisamente ambizioso. Perché firmare la petizione? Ovvio, per la valenza simbolica del gesto di intitolare una via all’illustre figura del mondo androide. Infatti, sarebbe un grande segnale di pace e unione tra umani e non umani.

Un mondo migliore… per i robot

Non solo impegnato in questa battaglia. Il Deta è nato come sindacato europeo per i diritti dei robot, a tutela della loro integrità fisica e sociale. Attualmente, la petizione è giunta sul tavolo dell’assessore comunale Lorenzo Lucarelli.

Leggi ancheEx detenuti lanciano petizione per ottenere le patatine introvabili mangiate soltanto in carcere

A supporto dell’iniziativa per intitolare una via a Jeeg Robot sono giunte un centinaio di firme. Del resto, c’è tempo perché si sparga la voce, riscontrando l’adesione dei più sensibili ai diritti dei robot. Rimane solo da far luce sulle origini dei firmatari. Il consenso sarebbe certamente più ampio, se potessero partecipare frullatori, aspirapolvere e Bimby. A patto che, ovviamente, abbiano raggiunto la maggiore età.

 

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend