Esperti avvisano: “Le videochiamate possono mettervi sotto pressione”

Commenti Memorabili CM

Esperti avvisano: “Le videochiamate possono mettervi sotto pressione”

| 01/05/2020
Esperti avvisano: “Le videochiamate possono mettervi sotto pressione”

Gli esperti mettono in guardia sulle numerose videochiamate che si effettuano durante la quarantena per il Coronavirus: “Possono mettervi sotto pressione”.

  • Nel corso dell’attuale pandemia di Coronavirus, le videochiamate si sono rivelate un utile strumento per mantenere i contatti sociali, seppur in modo virtuale
  • Alcuni esperti pensano che questa nuova routine possa mettere sotto pressione le persone più introverse
  • Per questo hanno dispensato alcuni consigli utili per gestire al meglio questa nuova realtà

 

Ricordate qualche settimana fa, quando le videochiamate sono cominciate a rivelarsi come la soluzione digitale alla “distanza sociale”? All’improvviso, la videoconferenza è diventata non solo un modo per portare le riunioni a casa, ma anche un modo per controllare gli amici, gli appuntamenti e persino per fare festa. È arrivata l’epoca d’oro dell’happy hour, delle serate film e dei brunch in videochiamata. Ma quando si arriva a quello che sembra il giorno 2.000 di quarantena, la sola vista di un’icona per le videochiamate può evocare sentimenti di ansia.

La dottoressa Hilarie Cash, fondatrice di reSTART Life, un centro di trattamento per le dipendenze digitali, si è detta stremata dagli incontri “impersonali” online. “Non ci guardiamo proprio negli occhi [in una video chat], né cogliamo le sfumature del linguaggio del corpo”, ha dichiarato a Bustle. Non possiamo sperimentare l’esperienza di un contatto nella vita reale, che rilascia un insieme di sostanze neurochimiche nel nostro cervello in grado di garantirci un equilibrio psicofisico”.

Le videochiamate possono mettervi sotto pressione

Fonte: Pxfuel.com

Come declinare gentilmente alcune videochiamate

Con Zoom o FaceTime, non si può fare affidamento sul linguaggio del corpo per la comunicazione, ha spiegato Jamie Aten, psicologo e professore associato di Humanitarian Disaster Leadership al Wheaton College in Illinois. “Per chi soffre di ansia sociale, Zoom o FaceTime rende più difficile tracciare dei confini. Le persone riescono a vedere nel vostro contesto ambientale, diventa poco chiaro quando la ‘socializzazione’ dovrebbe finire, e certi spunti sociali che sono facilmente leggibili nella vita reale possono essere più difficili da leggere virtualmente.

Steven Petrow, un esperto di galateo, afferma che in molti casi l’onestà è la migliore politica. “Quali sono le soluzioni a tutto questo? Una di queste, credo, è di essere più autentici, di essere più reali. Va benissimo dire che non si vuole partecipare a un cocktail party di Zoom perché semplicemente non ci si sente in vena.

Esperti avvisano: "Le videochiamate possono mettervi sotto pressione"

Fonte: Pexels

La soluzione ideale: bilanciare il tutto

Tuttavia, secondo uno studio del 2013 pubblicato su Cyberpsychology: Journal Of Psychosocial, vedere il volto di qualcuno è più stimolante dal punto di vista neurologico rispetto al semplice ascolto della sua voce. Quindi, invece di ignorare i nobili tentativi del vostro amico di promuovere la comunità durante un periodo di isolamento, cercate di trovare un equilibrio, di dare spazio agli impegni sociali o di sentirvi liberi di rifiutare educatamente. “È importante gestire lo stress dell’isolamento, quindi fate tutto ciò che vi fa sentire più tranquilli a casa, ha commentato la dottoressa Cash.

Leggi anche: Coronavirus e lezioni online: le eclatanti figuracce degli studenti

Ad esempio, la programmazione di un “tempo online non negoziabile” può aiutare a evitare videochiamate per le quali non si ha l’energia necessaria. “Bloccare un paio d’ore alla settimana – diciamo dalle 18 alle 20 del martedì e del sabato – può aiutare a non sovraccaricare il vostro calendario e può anche fornirvi una buona uscita se non siete dell’umore giusto. Potreste dire: ‘Mi piacerebbe chiacchierare, ma per evitare un eccesso di tempo sullo schermo, ho limitato il mio tempo online a poche ore a settimana. Ci sentiamo domani?’ Non è esattamente facile dire di no – raramente lo è – ma fornisce un po’ di struttura e di certezza a un calendario che può apparire vuoto, e che potrebbe far sembrare che siate disponibili in qualsiasi momento per qualsiasi motivo”, ha commentato Petrow.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend