Un intero villaggio rimane al buio per quarantacinque giorni per salvare un nido

Commenti Memorabili CM

Un intero villaggio rimane al buio per quarantacinque giorni per salvare un nido

| 16/04/2021
Un intero villaggio rimane al buio per quarantacinque giorni per salvare un nido
Fonte: pixabay

Un villaggio al buio per salvare un nido

  • Questa storia è accaduta in un villaggio dell’India
  • Si chiama Potthakudi ed è così piccolo da avere solo 120 case
  • Conta anche trentacinque lampioni che sono rimasti spenti per quarantacinque giorni
  • L’intero villaggio è rimasto al buio per salvare un nido di pettirosso
  • L’uccellino aveva nidificato proprio sulla cassetta dei comandi dell’elettricità pubblica

 

Questa bellissima storia è accaduta in India. Un intero villaggio ha rinunciato alla luce rimanendo al buio per quarantacinque giorni, tutto ciò per salvare un nido di pettirosso.

Il villaggio indiano che ha detto sì a questo lunghissimo blackout è quello di Potthakudi. Si trova nel distretto di Sivaganga nel Tamil Nadu e conta un totale di 120 case. Proprio in questo villaggio, illuminato da trentacinque lampioni, un pettirosso ha deciso di deporre le sue uova. Non in un posto a caso ma sulla cassetta che ha il controllo di accensione e spegnimento dei lampioni.

A scoprire il nido del pettirosso indiano, è stato l’uomo incaricato di occuparsi dell’illuminazione pubblica del villaggio da più di dieci anni. Si chiama Karuppu Raja e, quando ha fatto la lieta scoperta, non ha potuto non condividere l’informazione con gli altri abitanti del villaggio e non fare loro una richiesta specifica.
Ho scritto sul gruppo WhatsApp del villaggio che spegnere le luci era l’unica soluzione perché l’uccello volerà via una volta che si renderà conto che c’è una presenza umana o un contatto vicino al suo nido. Ho anche detto al gruppo che dovremmo salvare l’uccello e i suoi piccoli ad ogni costo”.

Villaggio al buio per 45 giorni per portare in salvo un nido

Nonostante la titubanza di alcuni abitanti, la vita del pettirosso e dei suoi pulcini è stata messa al primo posto. Raja ha insistito molto sull’argomento rispetto per gli animali. “Ho spiegato a donne e bambini che così tante specie di uccelli si sono estinte e non dovremmo lasciare che il pettirosso indiano faccia la stessa fine. Le donne sono state molto collaborative e hanno accettato il suggerimento di spegnere i lampioni. Abbiamo anche interrotto la corrente per garantire che non succedesse nulla al nido

Leggi anche: “Per di QUA!”: anatra e anatroccolo smarriti nel traffico scortati fino al Po

Tutti gli abitanti del villaggio sono rimasti aggiornati grazie alle foto e ai video di Raja che hanno documentato tutto. Dalla schiusa delle uova, all’alimentazione dei pulcini. Fino a quando, dopo quarantacinque giorni, mamma pettirosso e i piccoli sono volati via. Solo a quel punto a Potthakudi, il villaggio al buio per un nido di pettirosso, è tornata la luce.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend