Grazie al vino si possono risolvere meglio i problemi di matematica, lo dice la scienza

Commenti Memorabili CM

Grazie al vino si possono risolvere meglio i problemi di matematica, lo dice la scienza

| 24/01/2020
Grazie al vino si possono risolvere meglio i problemi di matematica, lo dice la scienza

La matematica può diventare più semplice e abbordabile grazie alla degustazione di un buon bicchiere: è la tesi di un neuroscienziato

La matematica non sarà mai il mio mestiere: come Antonello Venditti, lo avranno pensato tante persone, eppure esiste un rimedio a portata di mano (anzi di bocca) per diventare veri e propri geni in questo campo. La scoperta è stata fatta da un neuroscienziato americano di tutto rispetto. Si sta parlando di Gordon Shepherd, il quale insegna presso la prestigiosa Università di Yale e che ha messo sullo stesso piano i numeri e il vino.

Quali punti hanno in comune una delle materie più detestate dagli studenti e la bevanda alcolica? Quest’ultima non serve soltanto a brindare o a fare bisboccia, per il professore può essere sfruttata per risolvere calcoli complicati. Il motivo è presto detto. Un rosso o un bianco possono essere di grande aiuto per il cervello e nel suo stimolo.

Un organo in salute

In pratica, una bella bevuta consente di far funzionare meglio determinate parti dell’organo, ancora più in profondità di uno sforzo che viene compiuto per affrontare appunto la matematica. Lo studioso ha esaltato il prodotto con parole che non erano mai state pronunciate finora. Non c’è soltanto lo studio approfondito di frazioni, percentuali o altri elementi algebrici.

Matematica alcolica

Fonte: Lacnews24

A questo punto una semplice degustazione non dovrà essere considerata un momento di svago o addirittura “goliardico”, ma qualcosa di molto più sofisticato. Come ha fatto Shepherd ad arrivare a questi risultati? Forse si concede qualche bicchiere e vuole giustificare i suoi continui assaggi?

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend