Come capire se un bambino sarà bravo in matematica? Lo svela la scienza

Commenti Memorabili CM

Come capire se un bambino sarà bravo in matematica? Lo svela la scienza

| 03/08/2022
Fonte: Pixabay

Sei bravo in matematica? Osserva le tue mani per capirlo

  • Uno studio del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bath ha effettuato una peculiare ricerca
  • Gli studiosi hanno collegato abilità matematiche e lunghezza delle dita
  • La ricerca ha messo in luce che chi ha l’indice più lungo dell’anulare risulta più portato per le materie umanistiche
  • Chi, invece, ha il quarto dito più sviluppato del secondo è decisamente più portato per gli studi scientifici
  • Tutto ha a che fare con la produzione di testosterone

 

Secondo gli esperti, c’è un modo piuttosto curioso che può permetterci di capire se un bambino sarà bravo in matematica, oppure no. Quale? Guardare l’anulare della sua mano. No, non è uno scherzo, ma un vero e proprio metodo scientifico: gli studi, infatti, sostengono che dei tratti della personalità e alcune abilità si riflettano direttamente sulle dita. In particolare, una ricerca scientifica del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bath ha svelato il bizzarro legame tra lunghezza delle dita e ormoni.

Mark Brosnan, il capo del Dipartimento, ha spiegato: “Il testosterone contribuisce allo sviluppo delle aree del cervello coinvolte nelle abilità logiche mentre gli estrogeni quelle associate alle funzioni verbali. Il fatto è che questi ormoni influenzano anche lo sviluppo delle dita, rispettivamente dell’anulare e dell’indice“. Quindi, se il vostro anulare è più lungo dell’indice, siete decisamente bravi in matematica. Chi ha l’indice più lungo dell’anulare, invece, tende ad eccellere nelle discipline umanistiche, a discapito di quelle scientifiche.

L’identikit di chi ha l’anulare più lungo dell’indice

Per dimostrare la loro tesi di ricerca, gli scienziati hanno somministrato un test attitudinale a un gruppo di bambini di 7 anni. Grazie all’esperimento, non è emerso solo questo dato, ma anche che chi ha il quarto dito della mano più lungo rispetto al secondo è affascinante, competitivo e può avere problemi di controllo della rabbia.

Secondo gli studiosi dell’Howard Hughes Medical Center si tratta di un tipo di personalità tipico del genere maschile. Non a caso, infatti, l’organismo degli uomini produce un maggior quantitativo di testosterone, a sua volta responsabile dello sviluppo dell’anulare. Quindi, stando alle affermazioni di questi scienziati le dita della mano sarebbero uno strumento utile per comprendere le differenze tra i generi.

Leggi anche: Ecco cosa le dita dei piedi rivelano sul nostro carattere

Non solo: ulteriori ricerche hanno messo in luce che osservare le nostre dita può aiutarci anche a predire future malattie. Insomma, le nostre mani sono tutto fuorché noiose. In ultimo, all’appello mancano coloro che hanno indice e anulare della stessa lunghezza. In questo caso, si tratta di persone pacifiche, ben organizzate e fedeli, ma decisamente poco pratiche di matematica!

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend