Perché alcuni animali sono cannibali? Il motivo è affascinante

Commenti Memorabili CM

Perché alcuni animali sono cannibali? Il motivo è affascinante

| 30/07/2022
Fonte: Pixabay

Animali e cannibalismo: non solo mantidi religiose

  • Oltre alle mantidi religiose, sono molti gli animali che praticano il cannibalismo
  • Un entomologo ha analizzato le ragioni di questo comportamento
  • I rischi di cibarsi di un esemplare della propria specie sono numerosi
  • Per questo, il cannibalismo viene praticato in contesti particolarmente sfavorevoli
  • Incredibile ma vero, mangiare un compagno di specie sembra avere risvolti positivi

 

Tra le specie più famose, ci sono le mantidi religiose; questi adorabili insetti, però, non sono certo gli unici a dedicarsi a pratiche cannibali. In questo elenco, infatti, rientrano api, scorpioni, criceti e persino dinosauri. Cosa spinge queste creature a cibarsi di membri della loro stessa specie? A ben vedere, si tratta di un comportamento che può rivelarsi decisamente controproducente in termini evolutivi: mangiare qualcuno che reca i nostri stessi geni, infatti, non sembra una buona idea.

Senza contare che nello scontro si correrebbe il rischio di finire vittime delle medesime armi impiegate per mettere k.o. l’avversario, come pungiglioni o artigli. Nella peggiore delle ipotesi, poi, questi animali potrebbero contrarre patogeni che attaccano specificatamente la loro specie, provocandosi un’infezione. Insomma, non c’è dubbio: il motivo che spinge alcune specie a praticare il cannibalismo deve essere necessariamente più conveniente rispetto a tutti gli svantaggi e i rischi che si corrono.

Perché mangiare un membro della propria specie?

A fare luce sull’affascinante questione è stato l’entomologo Jay Rosenheim, che in un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Ecology, ha sottolineato come le pratiche di cannibalismo aumentino in determinati contesti sfavorevoli, tra cui in primis la fame. Lo scienziato ha scoperto che ci sono due specifici ormoni collegati all’incremento di casi di cannibalismo: l’octopamina negli invertebrati e l’epinefrina nei vertebrati.

Queste particolari sostanze vengono prodotte in abbondanza quando un habitat diventa eccessivamente sovraffollato e il cibo scarseggia. Fame e rabbia spingono gli animali a nutrirsi di qualsiasi cosa, membri della propria specie compresi. Se da un lato il proposito è sfamarsi, un ulteriore risvolto di questo comportamento riguarda la regolazione del numero di esemplari della popolazione.

Leggi anche: I viaggi su Marte? Faranno invecchiare precocemente l’essere umano e lo trasformeranno in un cannibale

Abbandonando per un momento le questioni etiche, infatti, il cannibalismo in natura sembrerebbe avere una funzione positiva. I sopravvissuti, infatti, andrebbero a comporre un gruppo meno numeroso, più sano e con un maggior numero di risorse a disposizione. Insomma, da questo punto di vista tale pratica servirebbe a ristabilire gli equilibri tra estensione della popolazione e beni di sostentamento.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend