Quanto erano grandi gli animali preistorici? Risponde la scienza

Commenti Memorabili CM

Quanto erano grandi gli animali preistorici? Risponde la scienza

| 20/07/2023
Fonte: Pixabay

Una simulazione in 3D per confrontare la grandezza delle specie preistoriche e moderne

  • In epoca preistorica gli animali erano tendenzialmente più grandi
  • A mostrare la differenza in termini di dimensioni e aspetto sono dei video pubblicati su YouTube
  • Grazie alla grafica 3D è possibile comparare numerose specie, come serpenti e coccodrilli
  • Tra gli insospettabili c’erano i castori: erano grandi più del dooppio rispetto ai moderni esemplari
  • Eppure, c’è un’eccezione che conferma la regola: si tratta della balenottera azzurra

 

Vi siete mai chiesti che dimensioni avessero gli animali preistorici? A rispondere a questo interrogativo sono i video pubblicati dal canale YouTube WTD, che grazie alla grafica 3D permettono di comparare la grandezza e l’aspetto delle specie moderne e dei loro antenati. Nella maggior parte dei confronti, risulta evidente che gli animali preistorici erano molto più grandi rispetto a quelli moderni.

La diminuzione della grandezza, però, non coincide a una riduzione della letalità. Al contrario, secondo i dati riportati nei video gli animali moderni in diversi casi risultano più pericolosi rispetto ai loro predecessori. Sebbene i filmati realizzati non abbiano pretese di scientificità, le ricostruzioni sono basate su tentativi e studi condotti per anni dai ricercatori. Siete curiosi di scoprire alcuni esempi che possano dare l’idea di ome gli animali siano cambiati in migliaia di anni? Ecco i casi più sbalorditivi.

Le sbalorditive dimensioni degli animali preistorici

Partiamo da una delle categorie animali che incute più timore: i rettili. Il ranfosuco, coccodrillo ormai estinto, poteva avere una lunghezza di ben 12 metri. Non c’è dubbio, si tratta di un esemplare decisamente più minaccioso e spaventoso rispetto alla sua versione moderna, che può raggiungere una lunghezza massima di 3 metri. Se siete terrorizzati dal pitone e dalla sua estensione di ben 10 metri, immaginate che il suo antenato poteva arrivare a 14.

Anche col megalania, varano girante oggi estinto, non c’era da scherzare: poteva raggiungere una lunghezza di 7 metri, ben 4 in più rispetto al suo successore, il drago di Komodo. Non solo rettili, persino i castori erano decisamente più grossi nell’era preistorica. Infatti, erano alti un metro e lunghi 2 metri e mezzo, più del doppio rispetto agli attuali esemplari.

Leggi anche: Le manine preistoriche di 8000 anni fa che non sono umane

Infine, c’è un’eccezione che conferma la regola: si tratta della balenottera azzurra. Questo splendido mammifero marino è decisamente cresciuto rispetto al suo antenato, il Livyatan melville. Il cetaceo preistorico, infatti, era lungo 17 metri. La balenottera azzurra, invece, arriva a quasi il doppio con i suoi 30 metri di lunghezza.

 

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend