Lo studio: il rimorso delle scappatelle non ci farà cambiare comportamento

Commenti Memorabili CM

Lo studio: il rimorso delle scappatelle non ci farà cambiare comportamento

| 07/06/2021
Fonte: Pixabay

Cambiare comportamento grazie al rimorso per le scappatelle? Secondo la scienza non è possibile

  • I ricercatori dell’Università norvegese di Scienza e Tecnologia hanno condotto uno studio sui sentimenti che si provano dopo un tradimento
  • All’esperimento hanno partecipato volontari tra i 18 e i 30 anni
  • I partecipanti hanno compilato due questionari a distanza di 5 mesi
  • La ricerca ha messo in luce che provare rimorso per le nostre scappatelle non ci fa cambiare comportamento
  • Secondo gli scienziati è tutta colpa delle nostre abitudini

 

A chiunque nella propria vita è capitato di commettere un errore e pentirsi del proprio gesto. Il pensiero che si affaccia puntualmente alla mente suona come qualcosa tipo “Non lo farò mai più!”. Eppure, la saggezza popolare spesso ci vede giusto: il lupo perde il pelo ma non il vizio. A confermarlo ci ha pensato anche la scienza. Secondo una ricerca, infatti, non basta il rimorso delle scappatelle a farci cambiare comportamento.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Università norvegese di Scienza e Tecnologia. Una prima interessante distinzione riguarda i due generi. Le donne, infatti, sono più inclini a provare rimorso per un tradimento avvenuto. Gli uomini, invece, si pentono per le scappatelle che non hanno fatto. Anche se in entrambi i casi maschi e femmine possono provare sentimenti negativi dopo il misfatto, queste emozioni non sono abbastanza durature da impedire loro di farlo di nuovo.

E se poi te ne penti?

Lo scienziato Leif Edward Ottesen Kennair ha messo in luce l’importante funzione evolutiva delle emozioni. Infatti: “Molte emozioni sono funzionali. Ad esempio, il disgusto protegge dalle infezioni e la paura protegge dal pericolo“. Quale sarebbe, quindi, lo scopo del rimorso? Semplice: quello di evitare un comportamento indesiderabile.

In realtà, però, stando alle risposte ai questionari collezionate dallo studio, in questo caso non basta. All’esperimento hanno partecipato 539 studenti tra i 18 e i 30 anni. I volontari hanno compilato i sondaggi due volte, a distanza di 5 mesi. Così, pur mantenendo intatto il proprio livello di rimpianto, la ricerca ha mostrato che le persone con dolce metà al seguito continuavano a mantenere intatte le proprie abitudini, dedicandosi ai rapporti occasionali.

Leggi anche: Cancellare i messaggi è un tradimento? La domanda scatena il dibattito sul web

Perché in questo caso provare rimorso per delle scappatelle non basta a farci cambiare comportamento? Secondo i ricercatori è tutta colpa delle abitudini. Un altro studio, infatti, ha messo in luce come le abitudini creino percorsi neurali sempre più forti, che ci spingono a ripetere i nostri errori. E voi, cosa avete combinato dopo esservi pentiti di qualcosa?

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend