I segnali che possono aiutarti a riconoscere un disturbo del sonno

Commenti Memorabili CM

I segnali che possono aiutarti a riconoscere un disturbo del sonno

| 16/09/2019
I segnali che possono aiutarti a riconoscere un disturbo del sonno

Se si hanno problemi ad addormentarsi, spesso ci si può chiedere: “potrei avere un disturbo del sonno?”.

Se vi sentite spesso stanchi o pigri durante il giorno, o se vi svegliate spesso non riposati, potreste pensare di avere qualche tipo di disturbo del sonno. Tuttavia, è possibile carpire qualche prezioso indizio se si presta attenzione a quello che si fa e come ci si sente di notte.

“I disturbi del sonno si verificano quando si hanno problemi con la qualità del sonno, i tempi e/o la durata”, ha detto a Bustle l’esperto del sonno e fondatore di SleepZoo, Chris Brantner: “si potrebbe pensare di riposare nella giusta quantità ma il sonno potrebbe essere di bassa qualità. Oppure si potrebbe avere una buona qualità del sonno, ma non essere in grado di addormentarsi in tempo, il che può influire sulla quantità complessiva del proprio riposo”.

Tuttavia, i problemi occasionali non si qualificano come disturbi del sonno. È solo quando diventano cronici che si può incominciare a sospettare di soffrire di un eventuale disturbo. “Poche notti di sonno scadente sono del tutto normali, ma se si hanno problemi con il sonno almeno tre notti ogni settimana e tale situazione dura da più di tre mesi, è necessario parlarne con il proprio medico”, ha dichiarato Martin Reed, esperto clinico certificato di salute del sonno e fondatore di Insomnia Coach.

via GIPHY

Una visita specialistica può individuare un’eventuale disturbo del sonno – come insonnia, apnea del sonno, sindrome delle gambe irrequiete, ecc. – e può offrire eventuali rimedi utili per superare un simile disagio. Qui ci sono alcuni segnali ai quali potreste prestare attenzione per capire se potreste soffrire di un disturbo del sonno.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend