Ambiancè, il film più lungo del mondo che uscirà nel 2020: dura 720 ore

  • Share

Ambiancè è il film del regista svedese Weberg che uscirà tra più di due anni: per vederlo tutto serviranno la bellezza di 30 giorni

In vent’anni Fantozzi ha veduto e riveduto: “Dies irae” di Carlo Teodoro Dreyer – sei ore –, “L’uomo di Aran” di Flaherty – nove tempi –, ma soprattutto il più classico dei classici, “La corazzata Kotiomkin” – diciotto bobine! Chissà cosa penserebbe oggi Fantozzi di Ambiancè. Il nome è curioso, ma non si tratta della sorella sfigata di Beyoncè bensì del film riconosciuto ufficialmente come il più lungo al mondo.

Le precedenti e interminabili pellicole diventeranno presto dei pallidi ricordi. I 432 minuti di “Satantango” o le 95 ore di “Matrjoschka” non potranno nulla contro le 720 ore di Ambiancè. In pratica, gli spettatori (o chi avrà il coraggio di esserlo in questo caso) saranno costretti a rimanere davanti allo schermo per 30 giorni di fila. Un intero mese per un lavoro che è quasi offensivo chiamare lungometraggio. A chi è venuta in mente un’idea del genere?

Un frame di Ambiancè

Il regista è uno svedese e si chiama Anders Weberg, il quale sta lavorando al progetto da diverso tempo.

Comments

comments

Articoli correlati