È la fine di un’era: Apple ha smesso di produrre gli iPod

Commenti Memorabili CM

È la fine di un’era: Apple ha smesso di produrre gli iPod

| 12/05/2022
Fonte: Pexels

Stop alla produzione degli iPod dopo oltre vent’anni

  • Dal 2001 l’iPod ha rivoluzionato il nostro modo di ascoltare musica
  • Ora, però, questa tecnologia da tempo sembrava obsoleta
  • Gli smartphone integrano infatti tutte le funzioni che prima relegavamo a più dispositivi
  • E infatti è arrivato l’annuncio storico da parte di Apple
  • L’azienda di Cupertino ha dichiarato che non l’iPod non verrà più prodotto

 

Stiamo parlando della fine di un’era, quella di apparecchi tecnologici che hanno accompagnato l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta di tanti nati tra gli anni ’80 e ’90. Dopo due decenni di gloriosa storia, infatti, Apple ha deciso di interrompere la produzione del lettore musicale più famoso al mondo: l’iPod. Ad annunciarlo è l’azienda stessa che ha intitolato un post del suo blog con un laconico “La musica va avanti”. Dal primo con la ruota cliccabile presentato nel lontano 2001 sino all’ultimo Touch, i modelli si sono susseguiti in questi vent’anni.

L’iPod originale, pensate, è stato il primo lettore MP3 a poter contenere “ben” 1.000 brani e ad assicurare una durata della batteria di 10 ore. Una tecnologia che adesso fa sorridere e infatti da tempo ormai sembravano passati di moda, con le funzioni che prima relegavamo a più dispositivi che ora possono essere svolte agilmente tutte insieme dallo smartphone che portiamo sempre con noi. E così la sua fine era segnata, fino all’annuncio del 10 maggio 2022 che ha segnato un prima e un dopo. L’iPod, che ha dato il via alla seconda vita dell’azienda della Mela, non verrà dunque più prodotto con buona pace dei suoi fan più incalliti.

Lo spirito dell’iPod continuerà a vivere

Del resto in listino da anni era rimasto solamente l’iPod Touch, la settima generazione di iPod arrivata nel 2019. Si tratta essenzialmente di una sorta di fratellino minore dell’iPhone, molto simile esteticamente e con alcune funzionalità che vanno  ben oltre il semplice ascoltare musica. Offre anche la possibilità di streaming e di giocare ai videogiochi grazie anche al bel display. Ed ora è diventato anche l’ultimo in vendita, disponibile fino ad esaurimento scorte. Come detto, tutto è partito dal primo modello con la ruota cliccabile e con dentro un hard disk. Poi si sono susseguite le varie evoluzioni e rielaborazioni.

Leggi anche: Sapevi che i vecchi iPhone, iPod e Mac potrebbero valere migliaia di euro?

Nel 2004 è arrivato il mitico iPod mini, che scioccò tutti per le sue dimensioni. Non possiamo non citare l’iPod Shuffle e le sue forme basiche, l’iPod Nano di sesta generazione da indossare al polso (una specie di antenato dell’attuale Apple Watch), nonché l’iPod Video ed anche qui le somiglianze con il primo iPhone non mancano. E se una lacrimuccia vi è scesa pensando a quei bei momenti in cui, sul pullman per andare a scuola, ascoltavate il vostro cantante preferito con le cuffie dell’iPod nelle orecchie, vogliamo darvi il colpo di grazia. L’azienda di Cupertino ha infatti chiosato il suo post sostenendo che “lo spirito dell’iPod continuerà a vivere”.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend