Nonna usa bomba a mano come fermaporta: intervengono gli artificieri

Commenti Memorabili CM

Nonna usa bomba a mano come fermaporta: intervengono gli artificieri

| 31/07/2020
Nonna usa bomba a mano come fermaporta: intervengono gli artificieri

Bomba a mano della prima guerra mondiale usata come fermaporta: arrivano gli artificieri

  • A Padova, in una casa del centro storico, è stato fatto uno strano ritrovamento
  • Un uomo, infatti, stava mettendo in ordine l’abitazione di sua nonna
  • Improvvisamente, si è accorto della presenza di uno spaventoso oggetto: una bomba a mano
  • L’ordigno, perfettamente funzionante, era della prima guerra mondiale
  • L’anziana aveva deciso di conservarlo per ricordo ed usarlo come fermaporta
  • Il nipote ha chiamato subito gli artificieri, che hanno tolto la bomba

 

Un fermaporta a prova di bomba, che ha indotto un 66enne a chiamare immediatamente gli artificieri. Il tutto è accaduto a Padova. L’uomo stava riordinando una graziosa casetta del centro storico, di proprietà di sua nonna. La donna di 87 anni, infatti, si trovava ricoverata in ospedale per problemi di salute. Dopo aver finito di pulire l’abitazione, però, il nipote della donna ha fatto uno spaventoso ritrovamento. Quale? Una bomba a mano, tipo ananas, risalente alla prima guerra mondiale. L’ordigno era perfettamente funzionante. Pare che a donarglielo fosse stato suo marito, e la donna lo avesse conservato per ricordo. Insomma, un innocuo cimelio dal forte valore sentimentale.

L’intervento degli artificieri

Recandosi a casa della donna, il nipote credeva di essere in mani sicure. Invece, quello che ha scoperto è stata la presenza di una bomba a mano. L’anziana aveva pensato bene di dargli una seconda vita. Ricorrendo alla nobile arte del riciclo, aveva deciso di utilizzarlo come fermaporta.

Leggi anche: Finto allarme bomba al ristorante: sposo aveva dimenticato di prenotare

Allarmato, il 66enne ha immediatamente chiamato gli artificieri. Dopo aver comunicato loro la notizia bomba, gli agenti sono intervenuti sul posto. Prima di tutto, hanno verificato l’effettivo funzionamento dell’ordigno. Dopodiché, sono iniziate le operazioni. Il palazzo è stato messo in sicurezza e l’ordigno è stato rimosso. Fortunatamente, tutto è andato per il meglio. Speriamo solo che, dopo aver saputo dell’accaduto, la nonna non metta il nipote alla porta.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend