Citofona a un poliziotto per sbaglio, voleva tentare un furto in casa [+COMMENTI]

Commenti Memorabili CM

Citofona a un poliziotto per sbaglio, voleva tentare un furto in casa [+COMMENTI]

| 08/06/2021
Fonte: Pexels Fonte: Commenti Memorabili

Vuole rubare alle vecchiette ma citofona a un poliziotto

  • A Carpenedo un ladro che probabilmente non si chiama né Lupin né Robin Hood
  • L’uomo ruba alle donne, possibilmente più anziane, introducendosi in casa con una scusa
  • Questa volta però citofona a casa di un poliziotto
  • L’agente insospettito dal modo di fare inconsueto dell’uomo fa qualche domanda e chiede i documenti
  • L’uomo si rifiuta di mostrarli e in breve viene smascherato dal poliziotto e dai colleghi delle Volanti

 

A Carpenedo un furto andato male. Il ladro, tentava di rubare oggetti preziosi entrando con una scusa a casa della gente. Questo era ormai il suo modus operandi da diverso tempo, ma questa volta gli va male. Citofona a casa di un poliziotto per sbaglio e viene subito sgamato.

A Carpenedo, sobborgo veneziano, pochi giorni fa è stato arrestato un uomo la cui specialità erano i furti in casa. Peccato per lui che non abbia beccato la casa giusta.

Il ladro, di origini serbe, suonava il campanello dei cognomi in fila sul citofono. Se rispondeva un uomo diceva di aver sbagliato, con una donna, meglio se anziana, accampava una scusa per salire e tentare di fregare qualcosa.

Incorreggibile, inafferr…ah, no.

Una tattica probabilmente già sperimentata più e più volte. Ma questa volta qualcosa va storto perché l’uomo citofona a un poliziotto.

Come da consuetudine, sentendo la voce di un uomo, il ladro ha detto di aver sbagliato campanello, ma l’agente si è insospettito.

Anche perché il ladro continuava a ripetere di dover consegnare delle notifiche a un’anziana. Dopo un paio di domande, il poliziotto ha quindi deciso di qualificarsi e chiedere i documenti all’uomo. Il ladro, ovviamente, non ha voluto mostrarglieli e a quel punto i sospetti del poliziotto sono diventati sempre più fondati.

L’agente ha deciso di allertare i colleghi e far giungere sul posto delle Volanti. Ovviamente il poliziotto non si sbagliava. Nelle tasche dell’uomo sono stati trovati diversi oggetti costosi e degli scontrini del compro oro.

L’uomo è stato identificato anche da un’altra inquilina dello stesso palazzo. La donna ha affermato che entrando in casa con una scusa, il ladro era riuscito a portarsi via un orologio che effettivamente è stato ritrovato tra gli oggetti sequestrati.

Leggi anche: Ventenni precipitano nel burrone a bordo di una ruspa rubata [+COMMENTI]

Ovviamente è scattato subito l’arresto. Il giudice ha condannato l’uomo ai domiciliari, disponendo anche la sospensione del reddito di cittadinanza che l’uomo percepiva.

 

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend