Finto sushi scoperto in Giappone

Commenti Memorabili CM

Finto sushi scoperto in Giappone

| 14/10/2021

Sembra sushi ma non è!

  • Un nighiri di salmone finto si aggira per il Giappone
  • Il finto sushi non è commestibile, ma si nutre di altri viventi
  • Una tinta alimentare: ecco perché è color salmone
  • La cattura, la detenzione e la fama di questa creatura marina
  • Una piccola star, ma la sua stella potrebbe tramontare in fretta

 

Un pezzo di finto sushi, per la precisione un simil nighiri di salmone, è stato scoperto in Giappone. Fino a qui la notizia potrebbe sembrare di scarsa rilevanza, nonostante i giapponesi siano affezionati a questo piatto; tuttavia la scoperta deriva dal fatto che non solo il finto sushi si muove, ma mangia qualcun altro invece di essere mangiato come da tradizione.

Non si tratta cioè di cibo ma di un isopode, ossia di un crostaceo con sette paia di zampe. Rimettete in dispensa la salsa di soia però; l’animaletto in questione non può essere mangiato ed anzi è lui a nutrirsi di altre creature viventi: è un piccolo parassita che si nutre di sangue altrui.

Il sushi finto: una vera mini star

Il piccolo pezzo di sushi finto attualmente risiede all’acquario di Fukushima ed è subito diventato una star proprio grazie al suo colore. Secondo gli esperti si tratterebbe di una specie non del tutto sconosciuta che però solitamente ha colori molto diversi. La particolare colorazione rosa salmone del nostro potrebbe quindi essere dovuta a qualcosa o meglio a un pezzo di qualcuno che si è mangiato.

La spiegazione più plausibile è quindi quella che il finto sushi abbia assunto la colorazione del pesce che lo ospitava e dal quale si è appunto nutrito. Proprio questo colore è il motivo che ha subito reso famosissimo il piccolo pezzetto di sushi finto. Pezzetto perché l’animale misura solo tre centimetri.

Leggi anche: Ami il sushi? Ecco il nuovo roll a base di cicale

Misure preventive

L’animale non è nato però nell’acquario che lo sta ospitando contro la sua volontà. Il finto sushi è stato catturato da alcuni pescatori che hanno resistito alla voglia di impugnare bacchette e wasabi e lo hanno consegnato all’acquario. Non si sa per quanto tempo il parassita dalla forma insolita rimarrà ospite della struttura, anche perché non si tratterebbe di una specie animale molto longeva.

Nel frattempo il piccolo è diventato una vera e propria attrazione dell’acquario, al punto da attirare molti visitatori giunti appositamente per vederlo. Inutile dire che la fama del finto sushi si è diffusa rapidamente anche in rete con circa 30.000 retweet a breve distanza di tempo dalla prima foto pubblicata dall’acquario. Se per caso voleste vederlo dal vivo però affrettatevi a prenotare: il quarto d’ora di gloria del finto sushi potrebbe terminare presto.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend