Quando i gatti supportavano i marinai sulle navi militari (ed avevano il passaporto per viaggiare)

Commenti Memorabili CM

Quando i gatti supportavano i marinai sulle navi militari (ed avevano il passaporto per viaggiare)

| 11/08/2021
Fonte: Facebook

Un tempo sulle navi militari c’erano anche degli speciali “gatti marinai” a servizio del personale di bordo

  • Questi speciali “gatti marinai” erano provvisti di passaporto personale per poter viaggiare sulle navi
  • Erano chiamati a cacciare topi, roditori e parassiti vari che si aggiravano sulle imbarcazioni
  • Questi ultimi, per ovvie ragioni, creavano forti disagi alla merce trasportata
  • Il loro passaporto presentava anche una “firma” posta dall’animale stessa
  • La firma di riconoscimento non era altro che l’impronta della loro zampa

 

Da tempi immemori gatti e marinai hanno un rapporto particolarmente speciale. Fin dall’antichità, infatti, era cosa nota trovare un gatto a bordo di un’imbarcazione. Oltre ad offrire agli uomini, in viaggio per lunghi periodi, una grande compagnia e coccola in più, i felini avevano anche un altro compito: quello di “andare a caccia” sulle navi.

Cosa e soprattutto in che modo? Come da loro indole, i gatti sulle navi erano soliti andare alla ricerca di topi, roditori e parassiti che popolavano le imbarcazioni, mettendo in pericolo le merci trasportate oltre che diffondere malattie.

I marinai, inoltre, credevano che i gatti a bordo portassero anche fortuna, scongiurando in questo modo qualsiasi tipo di malasorte in mare.

Gatti marinai sulle navi: i felini provvisti di passaporto per viaggiare

Molto spesso i gatti venivano adottati dai naviganti da terre straniere per affrontare il viaggio in nave, fungendo così come una sorta di “mascotte” del gruppo.

Inoltre, molti gatti marinai partivano direttamente dai porti anche per affrontare vere e proprie guerre, come nel caso del Primo e del Secondo Conflitto Mondiale. Questi ultimi, in particolar modo, erano addirittura provvisti di documenti e passaporti per poter viaggiare.

Un vero e proprio riconoscimento dell’onere e del ruolo avuto durante il tragitto e la permanenza in mare. Le loro documentazioni non avevano nulla da invidiare a quelle degli esseri umani a bordo delle navi, mostrando le comuni diciture come “nome”, “cognome”, “professione”, “numero di serie” ed addirittura “firma” ed “impronta digitale” del titolare del documento.

Leggi anche: Due uomini salvano un gattino dalla caduta da una finestra posta a dieci metri d’altezza [+VIDEO]

Nel caso dei felini, la firma era una semplice croce mentre l’impronta era quella della loro zampina.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend