La foresta dei suicidi di Aokigahara

Commenti Memorabili CM

La foresta dei suicidi di Aokigahara

| 14/01/2020
La foresta dei suicidi di Aokigahara

Aokigahara è una foresta giapponese piuttosto particolare.

Conosciuta anche con il nome di “mare di alberi”, Aokigahara sorge sul fianco nord-occidentale del meraviglioso Monte Fuji. Dopo l’ultima eruzione, avvenuta svariati secoli fa, la lava del vulcano si è indurita, regalando alla foresta un terreno di certo fuori dal comune. Molte sono le attrazioni rintracciabili in questo luogo, come meravigliose grotte che si riempiono di ghiaccio durante l’inverno.

I panorami suggestivi e le leggende che si celano dietro gli yūrei, i fantasmi dei defunti nella mitologia giapponese, hanno fatto sì che sempre più curiosi, escursionisti e scolaresche si recassero in visita ad Aokigahara. Ma il sito, come avrete avuto modo di leggere nel titolo di questo articolo, è divenuto tristemente noto per un’altra ragione.

Oggi, dentro e fuori dal Giappone, la foresta dei suicidi di Aokigahara la conoscono praticamente tutti. Complice uno spiacevole video diffusosi nel gennaio di due anni fa, ormai solamente una faccia della medaglia viene mostrata al mondo. Una situazione spiacevole che non fa che alimentare miti e leggende dietro il mare di alberi del Monte Fuji.

Per gli spiritisti, Aokigahara sarebbe piena di energia paranormale.

Che i suicidi commessi nella foresta di Aokigahara abbiano permeato i boschi di energia negativa? È forse questo che non permette alle bussole di comportarsi normalmente non appena varcato il confine della foresta? Cosa regala il sinistro senso di solitudine in grado di accompagnare un visitatore per tutta la durata della sua passeggiata? Scopriamolo insieme.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend