La memorabilità scaturita da GTA: San Andreas.

  • Share

Carl “CJ” Johnson, per un certo periodo, è stato il migliore amico di un sacco di adolescenti. Stiamo parlando del protagonista di GTA: SAN ANDREAS, il videogame che ha creato dei ricordi indelebili all’interno del nostro cuore.

Nel mondo dei videogames, decine e decine di titoli arrivano ad essere dei “bei giochi”, giustificando magari il prezzo non sempre economico. Si contano sulle dita di una mano, però, i giochi il cui eco continua a riecheggiare nelle orecchie di tutti a distanza di molti anni. Quei giochi, quando ti capitano, ti lasciano impresso qualcosa di meraviglioso, e contribuiscono a definire un periodo preciso della vita. Tra i pochi, oggi ne abbiamo scelto uno in particolare, sia per ciò che ci ha lasciato emotivamente, sia per la memorabilità che lo contraddistingue: GTA SAN ANDREAS.

Tutto iniziò in quel di Groove Street, quella via indimenticabile dove iniziava l’avventura del nostro criminale afroamericano preferito, Carl “CJ” Johnson. In compagnia degli amici Big Smoke e Ryder, si alimentava la sete di conquista dei quartieri contro la gang rivale, i Ballas, che avevano inizialmente un predominio quasi totale del territorio. Il resto, è storia.

Sono pochissimi i temerari che hanno deciso di affrontare l’avventura senza utilizzare i trucchi nemmeno una volta, e l’esperienza che ne hanno ricavato sarà stata sicuramente più stimolante e difficile. Per tutte le altre persone normali, i trucchi sono stati all’ordine del giorno, rendendo GTA: SAN ANDREAS un titolo completamente folle, privo di qualunque traccia di moralità e a tratti decisamente troppo facile. Ma tra tutto questo, una cosa era certa: c’era il divertimento. Il divertimento più totale e forsennato, sregolato da qualunque logica. Il divertimento, quello vero.

San Andreas è uno di quei giochi che tutt’oggi è possibile rigiocare. Ma che non si rigiocherebbe, perché la percezione sarebbe totalmente diversa e si rischierebbe di andare ad intaccare i ricordi di quel meraviglioso periodo.

 

GUARDA ANCHE: L’incredibile pesantezza di avere 30 anni e sentirli tutti.

Comments

comments

Articoli correlati