La lista d’attesa è troppo lunga: si opera da solo

  • Share

Siamo nella provincia di Lancashire, Inghilterra, dove un ingegnere, stanco di aspettare i tempi della sanità, si è operato da solo. Ecco come è andata.

Lui si chiama Graham Smith e ha fatto una scelta a dir poco rischiosa, ma i dolori che lo affligevano erano talmente forti che, in preda alla disperazione, ha preso la drastica decisione di avventurarsi in una “chirurgia fai da te”.

Tutto è iniziato diversi anni prima, quando l’ingegnere fu operato di appendicite. L’operazione sembrava essere andata bene, tuttavia nel postoperatorio l’uomo ha cominciato ad accusare dolori, meno forti, ma continui. L’unico modo che aveva Graham per lenire la sofferenza era una posizione antalgica particolare: doveva stare “perennemente curvo e camminare leggermente inclinato a sinistra”.

si-opera-da-solo

 

Inutile dire quanti controlli più o meno specifici ha dovuto subire. Il susseguirsi di visite mediche erano ormai diventate all’ordine del giorno e, più il tempo passava, maggiore era il dolore unito all’andatura “alle ventitrè“.

Dopo i dovuti controlli e tante visite mediche, Graham è riuscito finalmente a scoprire la causa del dolore continuo, che nel mentre si era irradiato anche alla schiena.

Durante un’intervista televisiva concessa alla BBC, l’ingegnere ha esposto le motivazioni del gesto e giustificò l’accaduto da un particolare che lo colpì: “Non capivo cosa fosse quel dolore, poi, mentre ero disteso nel letto, ho notato una strana protuberanza spuntare dal mio addome.Mi sottoposi a diverse visite, (finalmente) facendo notare quell’escrescenza ai medici e, solo nel 2011, scoprii la vera ragione di tutto quel calvario!.

Se state pensando ad Alien, ci avete quasi preso…

Comments

comments

Articoli correlati